Passa ai contenuti principali

Per l’altro da sé non c’è posto nell’amore berlusconiano

Berlusconi, oggi intervenendo telefonicamente ad una manifestazione del Pdl di Verona, ha detto che "l'amore vince sempre sull'odio e l'invidia". Ma di quale amore parla? Quello del respingimento in mare dei migranti? Quello dei centri di detenzione temporanei per gli immigrati senza permesso di soggiorno dove sono negati i più elementari diritti umani sul territorio italiano? Quello di amministratori idioti che vogliono un "white Christmas" (non lo chiamano nemmeno in italiano per pudore), cioè un Natale bianco, ma non per la neve che è arrivata, ma solo per i bianchi di pelle? Quello che nega la cittadinanza ai bambini nati in Italia figli di immigrati? Quello degli insulti a tutti coloro che la pensano diversamente da lui? Quello degli insulti agli organi di garanzia Costituzionale (Corte Costituzionale e Presidente della Repubblica)? Quello della demonizzazione degli avversari, dei giornalisti, delle opposizioni in genere e di chiunque osi esprimere una critica al suo disegno eversivo?

Temo che Berlusconi parli solo dell'amore per coloro che la pensano come lui, coloro che condividono con lui lo stesso sistema di riferimento valoriale, coloro che lo osannano e lo votano, coloro che sono ossequiosi nei confronti del capo, che lo adorano e lo venerano. "L'amore vince sempre sull'odio e l'invidia", parole pronunciate non a caso durante una manifestazione di partito. Che tradotto vuol dire: "amiamoci tra di noi, solo tra di noi e continueremo a vincere". Messaggio raccapricciante e pericoloso.

E' evidente che si tratta di un amore narcisistico che ha un che di malato tanto da chiedersi chi mai può odiarlo così tanto da spaccargli la faccia, lui che ama tutti.

Più di duemila anni fa un uomo è morto sulla Croce per professare l'Amore nei confronti dell'altro da sé: l'ultimo, il debole, la prostituta, il lebbroso, il povero, i ladroni sulla croce. Valori lontani anni luce dall'amore berlusconiano che anche su questo tema, ho paura, stia tentando di cambiare il Dna di questo paese aperto, accogliente e solidale.

Insomma, il messaggio berlusconiano, non è altro che questo: amiamoci tra di noi che la pensiamo allo stesso modo, noi che disprezziamo le regole e che non sopportiamo essere giudicati dalla magistratura, noi che vogliamo un Italia libera dai "comunisti" che "puzzano" oltre ad essere "coglioni" perché non votano lui, libera dagli immigrati e dalla magistratura indipendente e da qualsiasi altro organo di controllo, libera da tutti coloro che mi impediscono di farmi le leggi ad personam come meglio credo. E' evidente che per l'altro da sé non c'è posto nel concetto di amore berlusconiano. Così come non c'è posto per un'idea alta dello Stato.

Spero solo che la Chiesa non voglia seguirlo su questo concetto di Amore che nulla ha a che fare con il messaggio Cristiano di cui tra qualche giorno molti celebreranno la discesa sulla terra. Sarebbe un disastro anche per la Chiesa.

Commenti

Post popolari in questo blog

15 novembre 1943 la strage fascista a Ferrara

Il 15 novembre 1943 una rappresaglia fascista compì una strage, nota come strage del Castello Estense, a seguito dell'assassinio del federale Iginio Ghisellini attribuendo l'omicidio agli antifascisti. La storia ha poi accertato che si trattò di un regolamento di conti interno ai repubblichini. Dopo la liberazione quello che era Corso Roma divenne Corso Martiri della Libertà.




"La mostra sospesa" dal golpe di Pinochet ora a #Bologna

México. "La mostra sospesa". Si intitola così perché doveva essere inaugurata il 13 settembre 1973 a Santiago del Cile. Due giorni prima il generale Pinochet e la sua marmaglia attuarono il colpo di stato che portò alla morte Salvador Allende e la democrazia cilena. Da allora le opere oggi in mostra a Bologna a #PalazzoFava (fino al 18 febbraio prossimo), dopo essere state impacchettate in fretta e furia e rispedite in Messico da dove provenivano, non sono mai più uscite. Si tratta, dunque, di una prima assoluta in Europa. A palazzo Fava sono esposte opere di Orozco, Rivera e Siqueiros, tre dei più importanti muralisti messicani. Non vi parlerò della mostra né delle opere esposte perché non sono un critico d'arte, non è il mio mestiere. Di certo posso dire che ci sono opere di una potenza espressiva straordinaria per le emozioni che suscitano. Di una, in particolare, vorrei parlare: "Cristo distrugge la croce" (nella foto), del 1943, di Orozco. Un Cristo sceso…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…