Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2011

Taranto, la città della diossina

Quelli che seguono sono alcuni brani tratti dal libro di Carlo Vulpio, La città delle nuvole, Verdenero edizioni che merita di essere letto nella sua interezza e articolazione di ragionamento. I brani estratti sono soprattutto dati. Rimando il lettore al libro per cogliere gli aspetti più drammatici della storia recente di Taranto.
Perché parlare di una città come Taranto, oggi? Perché Taranto è la città più inquinata d'Europa e con un tasso di neoplasie tra i più alti dell'intero continente. Eppure nessuno ne parla, mentre dovrebbe diventare un caso nazionale. Invece, i giornali preferiscono occuparsi prevalentemente delle mutande del premier e titolano a caratteri cubitali sul bunga bunga, sulle escort, sul sesso mercenario del presidente del consiglio. Tutti. Di destra, di sinistra e di centro costringendo persino gli organi di stampa del Vaticano a trattare dell'argomento. Intanto, nei polmoni dei bambini di 11 anni si trovano tracce da fumatore incallito, le leucemie …

Su Battisti sto con Napolitano

Ha ragione il nostro Presidente della Repubblica: la decisione del Presidente brasiliano Lula "è incomprensibile". Tanto più che l'Italia negli anni delle feroci dittature militari nei paesi dell'America del sud, Brasile compreso, ha concesso, giustamente, l'asilo politico a molti perseguitati, mentre le stesse dittature militari concedevano rifugio e coperture illegali agli stragisti di destra del nostro paese che sfuggivano alla giustizia o che espatriavano con la copertura dei nostri servizi. Qualcuno andava in quei paesi persino a prestare i propri servigi criminali alle dittature. Dunque, semmai l'Italia ha un credito nei confronti di quei paesi, come il Brasile che da poco, e non tutti o del tutto ancora, hanno conosciuto la democrazia, e Lula dovrebbe saperlo e ricordarselo.
Sia detto per chiarezza: dal mio punto di vista Cesare Battisti con la "rivoluzione proletaria" non c'entra assolutamente nulla. È un assassino della peggior risma, è …