Passa ai contenuti principali

D'Alema visto da Benni

Vi propongo questo esilarante affresco su Massimo D’Alema quanto mai attuale.

Confessioni di un povero compagno sul governo D’Alema, Stefano Benni, “la Repubblica”, 22/10/1998, ora in “Dottor Niù. Corsivi diabolici per tragedie evitabili”, Feltrinelli, 2001, pag. 145.

SCENA: una vecchia sezione comunista. Ai muri, poster sportivi. D’Alema in barca, Pantani in salita, il Papa che scia. Vicino al biliardo, un confessionale in mogano, nuovo di zecca. Un uomo entra e si inginocchia con aria contrita.
UOMO – Sono la tessera duecentosedici, compagno. Vorrei confessarmi sul governo D’Alema.
VOCE DA DENTRO – Non chiamarmi compagno, chiamami pure Padre. Da quanto non correggi la linea?
- È molto tempo padre. Mi sembra…, era il periodo delle lotte alla Fiat… dell’occupazione della fabbrica, sa, non ho capito quali sono i nuovi riferimenti storici del partito…
- Prima o dopo Piccolo grande amore?
- Mi sembra prima.
- Allora è davvero molto tempo. Hai fatto bene a venire. E dimmi, duecentosedici, che peccati hai commesso?
- Be’, qualche volta, nel passato, la mia fede nel partito ha sbandato, ma ultimamente sta per cappottare. Quel Cossiga, ad esempio. Non vi ricordate Giorgiana Masi, Gladio, il caso Moro? Quello è uno che ha sempre insultato la sinistra, un maneggiosauro democristiano. Che steroidi ha preso per diventarci simpatico?
- Bisogna perdonare, figliolo, il perdono è la nuova dote del buon comunista. Cossiga si è ravveduto, ha buttato il piccone come noi abbiamo buttato la falce, tutto quello che è a punta va buttato via, arrotondiamo gli spigoli della politica. E Gladio era poca cosa, un Gladiolo, ecco, pensa a un bel fiore e rilassati. Respira col diaframma, pensa positivo, cerca di visualizzare un mare calmo e tu in pattino con Fassino, nell’aria un motivetto anni Sessanta.
- Ma cos’è, un nuovo tipo di indottrinamento?
- Si chiama training centrogeno. Apriti alla nuova era post-comunista, figliolo. Per anni abbiamo vagato su strade sbagliate, ma ora una luce ci guiderà verso il nostro grande destino. Come dice la canzone del compagno Cocciante, “era tutto già previsto”.
- Mi scusi, ma non la conosco.
- Anche questo è peccato. È l’unico cantante italiano al quale gli editori non hanno ancora chiesto di scrivere un libro. E dimmi, partecipi alla vita del partito? Guardi i tuoi dirigenti in televisione? Ti fai intervistare per strada? Mandi dei fax?
- Ma questa non è la vita del partito, è il bilancio della Telecom.
- Non possiamo perder tempo ad ascoltare ogni dibattito di sezione, il tempo ci serve per decifrare Mastella. E dimmi, hai commesso atti impuri?
- Be’, una volta al festival dell’Unità ho dato un bacio alla mia compagna senza togliermi la salsiccia di bocca. E poi Buttiglione mi fa fare dei brutti pensieri.
- E quando fai questi pensieri ti tocchi?
- Sì, mi tocco le balle perché per me porta sfiga, come si fa a pensare di allearsi con uno che parla con la bocca chiusa? Sembra sempre che stia suggerendo al vicino di banco. E voi pensate che possa dirigere una scuola?
- Stai calmo, figliolo. Comporre questo governo è un atto pastorale, e non è vero che facciamo ministri cani e porci, abbiamo detto di no a Craxi, Zirinowsky, al dobermann di Bianco che voleva la Difesa.
- Padre, che brutte notizie, la mia fede vacilla, la mia tessera geme. Come posso redimermi?
- Correggi la linea, aggiornati. Guarda la televisione, è lì che si impara la dieta delle idee. Ma va bene anche il cinema, segui le indicazioni di Pocorn Veltroni, vai a qualche prima, comprati lo smoking. E compra dei dischi, anzi adesso si chiamano cd. Sai cos’è un cd?
- Un Dc che si può girare dall’altra parte.
- Figliolo, non fare lo spiritoso. Ravvediti.
- Ci proverò. Posso leggere qualche libro?
- Sì, ma attento. Avrai notato che, nel suo rinnovamento culturale, l’Ulivo si è ben guardato dal colmare la lacuna di una trasmissione televisiva sui libri. Un film banale, un disco, una sfilata di moda, fanno cento volte più notizia di un libro. Perché nei libri si nasconde ancora l’insidia. Leggi solo i libri giusti: avvocati americani, santoni cresoterici, saghe assiro-babilonesi, vite di santi e naturalmente D’Alema pubblicato da Berlusconi…
- Ho capito. E dobbiamo perdonare anche Berlusconi?
- Ma sì, vedrai che perdoneremo anche lui. Hai altri peccati da confessare?
- Non credo nell’indispensabilità di Ciampi.
- Ciò è molto grave. Per questo tre pater, ave e gloria e tre voti per De Mita. Hai capito, ora?
- Non tanto. Era più facile quando si parlava di falce e martello, era una simbologia agreste e artigianale, ma alla portata di tutti. Adesso quando parla D’Alema, non capisco, lui usa un gergo da yachtman, cosa vuol dire che dobbiamo andare di bolina?
- Governo nuovo, vita nuova. Cazza la randa, non distrambare e spazza la tolda delle vecchie idee. E adesso ascolta l’organo del partito.
- È tornata “l’Unità”?
- No, l’organo che abbiamo messo in sezione, da questa settimana facciamo messa tutti i giorni, vai e prega per questo governo, ne abbiamo bisogno. E ora recita l’atto di dolore.
- Signore, mi pento e mi dolgo di avere votato…
- Ho sentito bene?
- Stavo scherzando. Credo nella redenzione di Cossiga. Credo nei dibattiti televisivi. Credo nella maglietta fina, nella Rosa Jervolino, nell’indice Nikkei, nella resurrezione del cinema italiano, nel calcio pulito, nel festival di Sanremo, nella commissione per la giustizia, nell’innocenza della Pidue, nell’assemblea costituente, nelle convergenze parallele, nelle affinità tra Cossutta e Di Pietro, nel decapartito monolitico e nel bipolarismo acrobatico. Credo che a Piazza Fontana sia scoppiata una bombola del gas. Credo nella continuità del progetto della sinistra. Credo che i ministri siano più importanti dei programmi. Credo… credo che sto per vomitare…
Si alza, scappa via. Dal confessionale esce Massimo D’Alema, in tonaca da domenicano e coi gradi di ammiraglio.
- Sarà dura… ma ce la faremo.
(Una luce lo illumina, si sente un coro di angeli, il suo corpo levita, poi uno schianto e tutto torna buio.)
D’Alema (incazzato) – Ancora non ci siamo con gli effetti speciali, forza ragazzi, che il miracolo è appena cominciato.

Commenti

Post popolari in questo blog

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

L'Italia che va a rotoli

L'Italia che va a rotoli è un paese in cui il senso del dovere di ciascuno e della tutela del bene comune è ridotto ai minimi termini. Controllori che sui treni non controllano non solo i biglietti, ma che passano oltre senza fare una piega se un ragazzotto mette le scarpe sul sedile difronte; vigili urbani che si girano dall'altra parte passando oltre un'auto parcheggiata in doppia fila; treni che fanno viaggiare i pendolari in condizioni disumane; cittadini che insozzano strade e giardini e che non si curano di pulire il marciapiedi davanti la soglia della propria casa perché è il Comune che se ne deve occupare. Tranne poi lamentarsi della mancanza di regole e invocare il pugno duro, ma sempre contro gli altri. Non cito nemmeno il caso dei piromani perché lì il senso civico, ovviamente, non c'entra nulla, nel senso che a muovere la mano sono interessi criminali precisi che col civismo c'entrano come i cavoli a merenda. Ho fatto un viaggio di  cinque ore, cambiando …

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…