Passa ai contenuti principali

L'ossimoro dello sviluppo sostenibile

Può un sistema puntare alla crescita infinita in un contesto finito? Come fanno gli uomini contemporanei a credere che sia possibile mantenere gli attuali livelli di consumo ancora per molto se intorno a noi l’aria delle città diventa sempre più irrespirabile; gli spazi pubblici sono occupati da sempre più auto; il territorio è sempre più consumato da nuovo cemento; le risorse della terra sono in via di esaurimento; la temperatura del pianeta sta aumentando; l’ecosistema di alcune zone della terra sta mostrando segni evidenti di cambiamento indotto dall’uomo? Cosa ci fa credere di essere una specie immortale, se milioni di anni di evoluzione sulla terra dimostrano che primo o poi le specie si estinguono se non hanno una resilienza tale da affrontare i cambiamenti? É la società contemporanea che induce l’uomo a credere nell’immortalità propria come individuo e della specie? Domande alle quali molti studiosi cercano di rispondere immaginando un nuovo modello di sviluppo, basato su regole che non siano quelle dell’accumulazione capitalistica, ma nemmeno quelle storicamente realizzate dal socialismo. Per favore, però, non chiamiamolo sviluppo sostenibile, perché, come spiega bene Serge Latouche nella sua “La scommessa della decrescita”, (Feltrinelli), lo sviluppo sostenibile è un ossimoro. Lo “sviluppo” attuale dei paesi occidentali e di alcuni paesi cosiddetti emergenti, Cina in primo luogo, con i loro ritmi di crescita, semplicemente, non può essere sostenuto dalla terra e tanto meno dall’80% della popolazione che è al di sotto della soglia di povertà.Vi propongo di seguito, come spunto di riflessione, alcuni stralci, che ho evidenziati ciascuno con un titolo, tratti dai due più recenti libri di Latouche. Credo non ci sia alternativa: bisogna smetterla di credere che il Pil sia l’indicatore del “ben-essere”: lo è solo del “ben-avere”, sempre per usare le definizioni di Latouche. É una delle tante mistificazioni di questo sistema che andrebbe smascherata.

L’ALGA CHE UCCISE LO STAGNO
“Un bel giorno, incoraggiata dall’uso massiccio di concimi chimici da parte degli agricoltori circostanti, una piccola alga verde comincia a prosperare in un grandissimo stagno. Anche se la sua diffusione annua è rapida, di una progressione geometrica con fattore 2, nessuno se ne preoccupa. In effetti, anche raddoppiando ogni anno, l’alga coprirà l’intera superficie dello stagno in trent’anni: e al termine del ventiquattresimo anno sarà colonizzato soltanto il 3 per cento dello specchio d’acqua! Forse ci si comincerà a preoccupare quando l’alga avrà colonizzato la metà della superficie, facendo sorgere una minaccia di eutrofizzazione, cioè di asfissia della vita acquatica. Anche se per arrivare a quel punto ci sono voluti decenni, basterà un solo anno per provocare la morte irrimediabile dell’ecosistema lacustre.Noi siamo arrivati esattamente al momento in cui l’alga verde ha colonizzato la metà del nostro stagno. Se non agiamo con la massima rapidità e la massima efficacia, quello che ci attende nel futuro prossimo è la morte per asfissia”.
Serge Latouche, Breve trattato sulla decrescita serena, Bollati Boringhieri, 2009, pag. 32.

UNA RIVOLUZIONE CULTURALE PER RIFONDARE LA POLITICA
“Oggi la crescita è un affare redditizio solo a patto di farne sopportare il peso e il prezzo alla natura, alle generazioni future, alla salute dei consumatori, alle condizioni di lavoro degli operai e, soprattutto, ai paesi del Sud. Dunque una rottura è indispensabile. Tutti, o quasi tutti, sono d’accordo su questo punto, ma nessuno osa tirarne le conseguenze. Tutti i regimi moderni sono stati produttivisti: repubbliche, dittature e sistemi totalitari, a prescindere che i governi fossero di destra o di sinistra, liberali, socialisti, socialdemocratici, centristi, radicali o comunisti. Tutti hanno considerato la crescita economica come la pietra angolare indiscutibile dei loro sistemi. Dunque il cambiamento di rotta oggi necessario non è del tipo realizzabile semplicemente con delle elezioni, mandando al potere un nuovo governo o votando per una nuova maggioranza. Ci vuole qualcosa di ben più radicale: né più né meno che una rivoluzione culturale, che porti a una rifondazione della politica”.
Ibidem, pagg. 42-43.

LA SUDDITANZA DELLA POLITICA
“Concepire un modello coerente e desiderabile di società della decrescita corrisponde non soltanto a una riflessione teorica, ma anche a una tappa decisiva della sua realizzazione politica. Bisogna andare ancora più avanti nell’elaborazione di proposte concrete. Anche se il lavoro di profonda autotrasformazione della società e dei suoi cittadini ci sembra più importante delle scadenze elettorali. Questo però non vuol dire che il parto avverrà spontaneamente e senza dolore. La politica politicante oggi ha poca presa sulle realtà che è necessario cambiare, e dunque bisogna essere prudenti nell’utilizzarla. Ma neanche questo vuol dire che le competizioni elettorali non hanno più senso. Nei migliori dei casi, i governi possono soltanto frenare, rallentare o mitigare dei processi che non controllano, sempre che vogliano andare controcorrente. Esiste una “cosmocrazia” mondiale che, senza una decisione esplicita, svuota la politica della sua sostanza e impone le sue volontà attraverso la “dittatura dei mercati finanziari”. Che lo vogliano o no, tutti i governi sono dei ‘funzionari’ del capitale”.
Ibidem, pag. 83

LA PROFEZIA DI SALVADOR ALLENDE
“Il dramma della mia patria è quello di un Vietnam silenzioso. In Cile non ci sono truppe di occupazione né aerei che bombardano. Ma noi siamo colpiti da un blocco economico e ci viene negato il credito dagli organismi finanziari internazionali. Siamo di fronte a un vero e proprio conflitto tra multinazionali e stati. Gli stati non sono più padroni delle loro decisioni fondamentali, politiche, economiche e militari, a causa delle multinazionali, che non dipendono da nessuno stato. Le multinazionali operano senza assumersi nessuna responsabilità e non sono controllate da nessun parlamento o istanza rappresentativa dell’interesse generale. In poche parole, la struttura politica del mondo è stravolta. Le grandi imprese multinazionali nuocciono agli interessi dei paesi in via di sviluppo. E le loro attività, causa di asservimento e senza controllo, nuocciono anche ai paesi industrializzati dove si realizzano”.
Salvador Allende, discorso all’ONU del dicembre 1972, in Ibidem, pagg. 91-92.

LA DESTRA, LA SINISTRA E LA PREOCCUPAZIONE ECOLOGICA
“Il movimento della decrescita è rivoluzionario e anticapitalistico (e anche antiutilitaristico), e il suo programma è fondamentalmente politico. Ma è di destra o di sinistra? Molti ecologisti, [...] pensano che “oggi la vera contrapposizione politica non è più tra ‘destra’ e ‘sinistra’ ma tra partigiani della preoccupazione ecologica e predatori”. Indubbiamente si può sostenere che il programma che noi proponiamo, che è in primo luogo un programma di buon senso, è altrettanto poco condiviso sia a sinistra che a destra. Va notato però che i partigiani della preoccupazione ecologica che non si collocano “a sinistra” [...] rimangono stranamente silenziosi sui predatori...”.
Ibidem pag. 111.
IDEOLOGIA DELLO SVILUPPO: LA PIU’ GRANDE ARMA DI DISTRUZIONE DI MASSA
“Sviluppo infinito all’interno di un mondo finito è assurdo come dire crescita infinita. Almeno in termini biologici, allo sviluppo e alla crescita il limite è imposto dal declino e dalla morte che seguono la maturità. L’ideologia del progresso introduce invece l’immortalità nel cuore della mitologia economica. La crescita infinita e artificiale dei beni e quella, postulata, dei mezzi per soddisfarla in parte impediscono di considerare realmente i limiti della condizione umana e di affrontare la finitezza del nostro pianeta per cercare di vincere la sfida di una ‘buona’ esistenza e di una società felice... E’ possibile affermare che, spingendo tutti a consumare come gli americani, l’deologia dello sviluppo è stata ‘la più grande arma di distruzione di massa’ pensata dal genere umano. Come dimostra la catastrofe ecologica e sociale planetaria a cui ci prepara la Cina, bisognerebbe invece seguire la direzione opposta: decontaminarci e circoscrivere il flagello”.
Serge Latouche, La scommessa della decrescita, Feltrinelli, 2008, pag. 85
BEN-ESSERE VS BEN-AVERE
“...per il Nord del mondo, il primo obiettivo di una politica della decrescita potrebbe consistere nel rovesciare la logica che unisce produzione del benessere e Pil. Si tratta di scindere miglioramento della condizione dei singoli individui e aumento numerico della produzione materiale, in altri termini bisogna far decrescere il “ben-avere” misurato dagli indicatori economici per migliorare il “ben-essere” realmente vissuto. Questo potrebbe realizzarsi in modo semplice applicando sistematicamente il principio “inquinatore-pagatore”. In questo modo si arriverebbe probabilmente a un blocco del sistema, dal momento che oggi la crescita rappresenta un affare redditizio solo se i suoi costi vengono sostenuti dalla natura, dalle generazioni future, dalla salute dei consumatori e dalle condizioni di lavoro. Per questo è necessaria una rottura”.
Ibidem, pag. 98

Commenti

Post popolari in questo blog

Voterò SI perché mi fido dei Costituenti del '45

I sostenitori del NO alla riforma costituzionale sostengono che il Senato non elettivo limiterebbe quanto previsto dal secondo comma dell'art. 1 della Costituzione che recita: "La sovranità appartiene al popolo". Ciò che non dicono è che quel comma prosegue con un inciso: "che la esercita (la sovranità, ndr) nelle forme e nei limiti della Costituzione". Un'omissione non secondaria perché, invece, dà la misura precisa della lungimiranza dei padri Costituenti che avevano previsto la possibilità di una modifica nelle forme di esercizio della sovranità popolare. Se avessero voluto blindare la Carta fondamentale avrebbero scritto: "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita con voto proporzionale nell'elezione dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica". Inoltre, non è un caso che i Costituenti hanno inserito le modalità di espressione della sovranità popolare nella seconda parte della Costituzione, quella susce…

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

L'Italia che va a rotoli

L'Italia che va a rotoli è un paese in cui il senso del dovere di ciascuno e della tutela del bene comune è ridotto ai minimi termini. Controllori che sui treni non controllano non solo i biglietti, ma che passano oltre senza fare una piega se un ragazzotto mette le scarpe sul sedile difronte; vigili urbani che si girano dall'altra parte passando oltre un'auto parcheggiata in doppia fila; treni che fanno viaggiare i pendolari in condizioni disumane; cittadini che insozzano strade e giardini e che non si curano di pulire il marciapiedi davanti la soglia della propria casa perché è il Comune che se ne deve occupare. Tranne poi lamentarsi della mancanza di regole e invocare il pugno duro, ma sempre contro gli altri. Non cito nemmeno il caso dei piromani perché lì il senso civico, ovviamente, non c'entra nulla, nel senso che a muovere la mano sono interessi criminali precisi che col civismo c'entrano come i cavoli a merenda. Ho fatto un viaggio di  cinque ore, cambiando …