Passa ai contenuti principali

Ripasso per sindacalisti smemorati

Enrico Berlinguer davanti i cancelli della Fiat (foto Ansa)
Una data storica della sconfitta della sinistra è il 1980 con i 35 giorni di sciopero alla Fiat dove la Cgil di Lama e il Pci di Berlinguer subirono un durissimo colpo da cui né il sindacato confederale, e non solo la Cgil, né il Pci si ripresero più. Quello fu anche, insieme alla sconfitta, lo spartiacque di un mutamento culturale e di un cambio di pelle dell'intero paese. Il modello Romiiti di relazioni industriali, per intenderci, sarebbe stato destinato a fare scuola nei decenni successivi. Il sindacato si accontentò nella fabbriche di parlare di codeterminazione, di condivisione degli obiettivi aziendali, in alcuni casi si parlò di cogestione. La qualità totale divenne il nuovo idolo nelle fabbriche. I tempi di produzione da allora sono stati sempre più saturati, che vuol dire meno pause e ritmi più veloci. Resta una domanda cocente perché riguarda l'identità stessa di una parte importante della sinistra come il Pd: come mai un Renzi ha potuto diventare segretario del maggior partito della sinistra? Domanda che fa il paio con l'altra: come mai per vent'anni Berlusconi e il berlusconismo, come portato culturale, sono stati egemoni (e lo sono ancora per lo meno per l'aspetto culturale)? Basta la sconfitta del 1980 a spiegare tutto ciò? Oppure i dirigenti sindacali e del partito hanno condiviso l'idea che il capitalismo fosse non solo l'unico orizzonte possibile, ma l'unico margine di manovra fosse quello di co-partecipare insieme al capitale alla produzione del profitto? Con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti.

Commenti

  1. Mi comando come possa conciliarsi la qualità totale con meno pause, ritmi più serrati, stipendi da fame.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, bisognerebbe chiederlo ad alcuni sindacalisti.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

L'Italia che va a rotoli

L'Italia che va a rotoli è un paese in cui il senso del dovere di ciascuno e della tutela del bene comune è ridotto ai minimi termini. Controllori che sui treni non controllano non solo i biglietti, ma che passano oltre senza fare una piega se un ragazzotto mette le scarpe sul sedile difronte; vigili urbani che si girano dall'altra parte passando oltre un'auto parcheggiata in doppia fila; treni che fanno viaggiare i pendolari in condizioni disumane; cittadini che insozzano strade e giardini e che non si curano di pulire il marciapiedi davanti la soglia della propria casa perché è il Comune che se ne deve occupare. Tranne poi lamentarsi della mancanza di regole e invocare il pugno duro, ma sempre contro gli altri. Non cito nemmeno il caso dei piromani perché lì il senso civico, ovviamente, non c'entra nulla, nel senso che a muovere la mano sono interessi criminali precisi che col civismo c'entrano come i cavoli a merenda. Ho fatto un viaggio di  cinque ore, cambiando …

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…