Passa ai contenuti principali

Il berlusconismo che è in noi

Livù magazine, n. 38, aprile 2011.

Ma davvero ci illudiamo che sconfitto Berlusconi questo paese sarà migliore? Io temo di no. Temo che quasi vent’anni di berlusconismo abbiano lasciato un segno profondo, che Berlusconi prima ancora che nelle urne abbia vinto dal punto di vista culturale. Berlusconi, e nessuno meglio di lui nella storia della Repubblica, è riuscito a parlare essenzialmente alla pancia degli italiani, ha fatto diventare valori ciò che intere generazioni hanno considerato disvalori: l’egoismo, il tornaconto personale ottenuto ad ogni costo, il disprezzo delle regole, le scorciatoie per la carriera che passano dalle stanze da letto, il conflitto di interessi elevato a sistema (ce n’è in ogni settore della vita amministrativa ed è trasversale agli schieramenti), l’odio per gli avversari (altro che partito dell’amore!), il disprezzo per i diversi da sé, la politica dei respingimenti in mare, la politica premiale nei confronti degli evasori fiscali che vengono osannati dal popolino come “dritti”, l’abuso di potere, e l’elenco potrebbe continuare. Basta guardarci intorno e dentro noi stessi per vedere cosa siamo diventati. Basta tentare di attraversare la strada sulle strisce pedonali (quando esistono), per fare un esempio banale, per rendersi conto che nessuno più rispetta il codice della strada e si ferma per farci attraversare, perché le regole valgono solo per gli altri, per i fessi. Basta guardare quanto impegno ci mettiamo, ciascuno di noi, nel fare la raccolta differenziata, tanto per fare un altro esempio. Eppure, la tutela dell’ambiente dovrebbe riguardarci in prima persona perché ha ripercussioni immediate sulla nostra salute, al contrario di ciò che pensiamo. Ci diciamo: “perché lo devo fare io e gli altri no, non sono mica più fesso!”. Ecco, il berlusconismo è proprio questo approccio mentale che diventa espressione culturale nella misura in cui diviene riferimento maggioritario tra le persone e assume così la veste del modo di essere di un popolo.



Si dirà: ma non esiste solo Berlusconi, c’è l’opposizione! Giusto. Peccato che sia un’opposizione di carta, perché mentre Berlusconi, che è un maestro di comunicazione, riusciva a parlare agli italiani, seppur alla parte più bassa e istintuale, dall’altra parte era come se la sinistra non avesse più le parole per articolare i propri discorsi, come se soffrisse di una sorta di afasia che le impedisse di trovare le parole giuste per vestire i valori che hanno fatto grandi i partiti di massa della prima Repubblica, per continuare a parlare in modo nuovo di questione morale quando più ce ne sarebbe stato bisogno proprio perché Berlusconi irrideva alla morale, di rispetto delle istituzioni, di Costituzione, di rispetto dei ruoli, di solidarietà, di giustizia sociale, di quanto, come ha detto Padoa Schioppa, sia bello pagare le tasse perché in quell’atto si sostanzia la solidarietà sociale. Ma l’opposizione ha paura di andare contro la pancia degli italiani, ha paura di farsi classe dirigente, preferisce glissare e sperare di liberarsi del miliardario ridens con l’aiuto della magistratura. Su questo, temo, il presidente del consiglio abbia ragione, ma non perché c’è un complotto contro di lui (i reati sembrano esserci tutti), ma perché l’opposizione è incapace di fare altro. E allora, a sinistra vincerà chi saprà recuperare il linguaggio degli ideali, non contro ma per.

Commenti

Post popolari in questo blog

15 novembre 1943 la strage fascista a Ferrara

Il 15 novembre 1943 una rappresaglia fascista compì una strage, nota come strage del Castello Estense, a seguito dell'assassinio del federale Iginio Ghisellini attribuendo l'omicidio agli antifascisti. La storia ha poi accertato che si trattò di un regolamento di conti interno ai repubblichini. Dopo la liberazione quello che era Corso Roma divenne Corso Martiri della Libertà.




"La mostra sospesa" dal golpe di Pinochet ora a #Bologna

México. "La mostra sospesa". Si intitola così perché doveva essere inaugurata il 13 settembre 1973 a Santiago del Cile. Due giorni prima il generale Pinochet e la sua marmaglia attuarono il colpo di stato che portò alla morte Salvador Allende e la democrazia cilena. Da allora le opere oggi in mostra a Bologna a #PalazzoFava (fino al 18 febbraio prossimo), dopo essere state impacchettate in fretta e furia e rispedite in Messico da dove provenivano, non sono mai più uscite. Si tratta, dunque, di una prima assoluta in Europa. A palazzo Fava sono esposte opere di Orozco, Rivera e Siqueiros, tre dei più importanti muralisti messicani. Non vi parlerò della mostra né delle opere esposte perché non sono un critico d'arte, non è il mio mestiere. Di certo posso dire che ci sono opere di una potenza espressiva straordinaria per le emozioni che suscitano. Di una, in particolare, vorrei parlare: "Cristo distrugge la croce" (nella foto), del 1943, di Orozco. Un Cristo sceso…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…