Passa ai contenuti principali

Il berlusconismo che è in noi

Livù magazine, n. 38, aprile 2011.

Ma davvero ci illudiamo che sconfitto Berlusconi questo paese sarà migliore? Io temo di no. Temo che quasi vent’anni di berlusconismo abbiano lasciato un segno profondo, che Berlusconi prima ancora che nelle urne abbia vinto dal punto di vista culturale. Berlusconi, e nessuno meglio di lui nella storia della Repubblica, è riuscito a parlare essenzialmente alla pancia degli italiani, ha fatto diventare valori ciò che intere generazioni hanno considerato disvalori: l’egoismo, il tornaconto personale ottenuto ad ogni costo, il disprezzo delle regole, le scorciatoie per la carriera che passano dalle stanze da letto, il conflitto di interessi elevato a sistema (ce n’è in ogni settore della vita amministrativa ed è trasversale agli schieramenti), l’odio per gli avversari (altro che partito dell’amore!), il disprezzo per i diversi da sé, la politica dei respingimenti in mare, la politica premiale nei confronti degli evasori fiscali che vengono osannati dal popolino come “dritti”, l’abuso di potere, e l’elenco potrebbe continuare. Basta guardarci intorno e dentro noi stessi per vedere cosa siamo diventati. Basta tentare di attraversare la strada sulle strisce pedonali (quando esistono), per fare un esempio banale, per rendersi conto che nessuno più rispetta il codice della strada e si ferma per farci attraversare, perché le regole valgono solo per gli altri, per i fessi. Basta guardare quanto impegno ci mettiamo, ciascuno di noi, nel fare la raccolta differenziata, tanto per fare un altro esempio. Eppure, la tutela dell’ambiente dovrebbe riguardarci in prima persona perché ha ripercussioni immediate sulla nostra salute, al contrario di ciò che pensiamo. Ci diciamo: “perché lo devo fare io e gli altri no, non sono mica più fesso!”. Ecco, il berlusconismo è proprio questo approccio mentale che diventa espressione culturale nella misura in cui diviene riferimento maggioritario tra le persone e assume così la veste del modo di essere di un popolo.



Si dirà: ma non esiste solo Berlusconi, c’è l’opposizione! Giusto. Peccato che sia un’opposizione di carta, perché mentre Berlusconi, che è un maestro di comunicazione, riusciva a parlare agli italiani, seppur alla parte più bassa e istintuale, dall’altra parte era come se la sinistra non avesse più le parole per articolare i propri discorsi, come se soffrisse di una sorta di afasia che le impedisse di trovare le parole giuste per vestire i valori che hanno fatto grandi i partiti di massa della prima Repubblica, per continuare a parlare in modo nuovo di questione morale quando più ce ne sarebbe stato bisogno proprio perché Berlusconi irrideva alla morale, di rispetto delle istituzioni, di Costituzione, di rispetto dei ruoli, di solidarietà, di giustizia sociale, di quanto, come ha detto Padoa Schioppa, sia bello pagare le tasse perché in quell’atto si sostanzia la solidarietà sociale. Ma l’opposizione ha paura di andare contro la pancia degli italiani, ha paura di farsi classe dirigente, preferisce glissare e sperare di liberarsi del miliardario ridens con l’aiuto della magistratura. Su questo, temo, il presidente del consiglio abbia ragione, ma non perché c’è un complotto contro di lui (i reati sembrano esserci tutti), ma perché l’opposizione è incapace di fare altro. E allora, a sinistra vincerà chi saprà recuperare il linguaggio degli ideali, non contro ma per.

Commenti

Post popolari in questo blog

Voterò SI perché mi fido dei Costituenti del '45

I sostenitori del NO alla riforma costituzionale sostengono che il Senato non elettivo limiterebbe quanto previsto dal secondo comma dell'art. 1 della Costituzione che recita: "La sovranità appartiene al popolo". Ciò che non dicono è che quel comma prosegue con un inciso: "che la esercita (la sovranità, ndr) nelle forme e nei limiti della Costituzione". Un'omissione non secondaria perché, invece, dà la misura precisa della lungimiranza dei padri Costituenti che avevano previsto la possibilità di una modifica nelle forme di esercizio della sovranità popolare. Se avessero voluto blindare la Carta fondamentale avrebbero scritto: "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita con voto proporzionale nell'elezione dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica". Inoltre, non è un caso che i Costituenti hanno inserito le modalità di espressione della sovranità popolare nella seconda parte della Costituzione, quella susce…

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

Alitalia non è strategica per il paese

Non credo ci siano i presupposti per una nazionalizzazione di Alitalia. Le compagnie aeree non sono più strategiche per un paese con l'apertura della concorrenza. Lo sono le infrastrutture, gli aeroporti (non certo i singoli vettori), la rete ferroviaria, l'intermodalità treno-nave per le merci, e quindi i porti, le autostrade, e ora, sempre più, le dorsali telematiche, la fibra ottica, l'industria e la ricerca informatica, l'hi-tech, l'industria metallurgica. Non conta più chi trasporta, ma chi gestisce la logistica. Questi, sono convinto, siano sempre più gli asset strategici per la competitività di un paese, non una singola compagnia aerea in un'era in cui l'offerta di trasporto è cresciuta esponenzialmente con compagnie di volo affidabili a costi di molto più concorrenziali rispetto ad Alitalia, anche dal punto di vista dell'offerta qualitativa. Da anni Alitalia non era più competitiva, proprio per i costi che era costretta a sostenere per una prolif…