Passa ai contenuti principali

Grottaglie. Appello alle civiche: un unico gruppo consiliare

Livù magazine, n. 40, giugno 2011


 

"Bisognava fare di più". Questa la dichiarazione a caldo rilasciata a Gir dal segretario cittadino del Pd Massimo Serio. "Questa vittoria è importante – ha continuato Serio - perché alla luce di quello che è accaduto il 15 e 16 maggio dove tutti erano contro di noi, abbiamo risposto al primo turno e anche al secondo. C'è da fare un'analisi profonda a livello politico, bisogna fare autocritica su tutto ciò che è accaduto in questi ultimi anni, perché se vado ad analizzare il dato del Pd al primo turno è un dato molto importante, ci affermiamo come primo partito a Grottaglie, al secondo turno gli elettori non ci premiano molto perché in questi anni l'amministrazione comunale era scollata dal territorio. Questo vuol dire che le cose sono state fatte bene, però è mancato il dialogo che è il valore aggiunto importante della politica. Ecco perché all'interno della città si sono create ventidue liste, si sono creati i movimenti, quindi c'era un odio particolare, c'era un'assenza di politica. Da domani bisogna ripartire per andare a recuperare tutto quell'elettorato". Una dichiarazione onesta dalla quale traspare chiaramente l'insoddisfazione di fondo per il risultato finale. E come dargli torto. Il sindaco al primo turno ha ottenuto circa 1600 voti in meno della coalizione e al secondo, nonostante la dichiarazione di voto di SEL a favore di Alabrese, egli si è fermato sotto di 500 voti rispetto alla somma dei voti dei partiti che lo sostenevano. Una coalizione per altro spuria che, vista da qui, fa rabbrividire. Una coalizione che tiene insieme l'Udc, l'Api e persino Io sud di Adriana Poli Bortone, già MSI, già AN, già Pdl mai pentita. Insomma, il diavolo e l'acquasanta. Tutti insieme appassionatamente. Questa coalizione ha vinto non per merito proprio, ma perché l'alternativa di fatto non c'era. O meglio, poteva esserci se solo le liste civiche di D'Alò e Ragusa avessero espresso un candidato unico. In questo caso, e sono i numeri a dirlo, avrebbero portato a casa la poltrona di primo cittadino, forse anche al primo turno. Certo, avrebbero scontato la mancanza di esperienza amministrativa per cui a questo punto non tutto il male viene per nuocere. Questi cinque anni di consigliatura, ammesso che Alabrese con questa coalizione spuria riuscirà a portare a termine il mandato, cosa di cui dubito, potrebbero essere usati proficuamente dalle liste che fanno riferimento a Ciro D'Alò e Etta Ragusa per avviare un percorso di lavoro comune. Da questo punto di vista il primo passo concreto, ufficiale, potrebbe essere quello di creare un unico gruppo consiliare per mandare un messaggio politico forte della volontà di rinnovamento e di un lavoro di squadra che superi i personalismi e guardi al bene comune dell'amministrazione della città. Si potrà allora dire che non tutto è perduto.

Infine, una considerazione sulla coalizione guidata dal Pd. Quella coalizione, con Udc e Api, può funzionare a livello di governo centrale nel caso di caduta anticipata di Berlusconi e come transizione a nuove elezioni, non certo come alleanza elettorale programmatica. Temo che a Grottaglie, e sulla pelle dei grottagliesi, si sia attuato un esperimento di laboratorio il cui scienziato ha le fattezze del baffetto nazionale.

Commenti

Post popolari in questo blog

15 novembre 1943 la strage fascista a Ferrara

Il 15 novembre 1943 una rappresaglia fascista compì una strage, nota come strage del Castello Estense, a seguito dell'assassinio del federale Iginio Ghisellini attribuendo l'omicidio agli antifascisti. La storia ha poi accertato che si trattò di un regolamento di conti interno ai repubblichini. Dopo la liberazione quello che era Corso Roma divenne Corso Martiri della Libertà.




"La mostra sospesa" dal golpe di Pinochet ora a #Bologna

México. "La mostra sospesa". Si intitola così perché doveva essere inaugurata il 13 settembre 1973 a Santiago del Cile. Due giorni prima il generale Pinochet e la sua marmaglia attuarono il colpo di stato che portò alla morte Salvador Allende e la democrazia cilena. Da allora le opere oggi in mostra a Bologna a #PalazzoFava (fino al 18 febbraio prossimo), dopo essere state impacchettate in fretta e furia e rispedite in Messico da dove provenivano, non sono mai più uscite. Si tratta, dunque, di una prima assoluta in Europa. A palazzo Fava sono esposte opere di Orozco, Rivera e Siqueiros, tre dei più importanti muralisti messicani. Non vi parlerò della mostra né delle opere esposte perché non sono un critico d'arte, non è il mio mestiere. Di certo posso dire che ci sono opere di una potenza espressiva straordinaria per le emozioni che suscitano. Di una, in particolare, vorrei parlare: "Cristo distrugge la croce" (nella foto), del 1943, di Orozco. Un Cristo sceso…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…