Passa ai contenuti principali

Grottaglie. Appello alle civiche: un unico gruppo consiliare

Livù magazine, n. 40, giugno 2011


 

"Bisognava fare di più". Questa la dichiarazione a caldo rilasciata a Gir dal segretario cittadino del Pd Massimo Serio. "Questa vittoria è importante – ha continuato Serio - perché alla luce di quello che è accaduto il 15 e 16 maggio dove tutti erano contro di noi, abbiamo risposto al primo turno e anche al secondo. C'è da fare un'analisi profonda a livello politico, bisogna fare autocritica su tutto ciò che è accaduto in questi ultimi anni, perché se vado ad analizzare il dato del Pd al primo turno è un dato molto importante, ci affermiamo come primo partito a Grottaglie, al secondo turno gli elettori non ci premiano molto perché in questi anni l'amministrazione comunale era scollata dal territorio. Questo vuol dire che le cose sono state fatte bene, però è mancato il dialogo che è il valore aggiunto importante della politica. Ecco perché all'interno della città si sono create ventidue liste, si sono creati i movimenti, quindi c'era un odio particolare, c'era un'assenza di politica. Da domani bisogna ripartire per andare a recuperare tutto quell'elettorato". Una dichiarazione onesta dalla quale traspare chiaramente l'insoddisfazione di fondo per il risultato finale. E come dargli torto. Il sindaco al primo turno ha ottenuto circa 1600 voti in meno della coalizione e al secondo, nonostante la dichiarazione di voto di SEL a favore di Alabrese, egli si è fermato sotto di 500 voti rispetto alla somma dei voti dei partiti che lo sostenevano. Una coalizione per altro spuria che, vista da qui, fa rabbrividire. Una coalizione che tiene insieme l'Udc, l'Api e persino Io sud di Adriana Poli Bortone, già MSI, già AN, già Pdl mai pentita. Insomma, il diavolo e l'acquasanta. Tutti insieme appassionatamente. Questa coalizione ha vinto non per merito proprio, ma perché l'alternativa di fatto non c'era. O meglio, poteva esserci se solo le liste civiche di D'Alò e Ragusa avessero espresso un candidato unico. In questo caso, e sono i numeri a dirlo, avrebbero portato a casa la poltrona di primo cittadino, forse anche al primo turno. Certo, avrebbero scontato la mancanza di esperienza amministrativa per cui a questo punto non tutto il male viene per nuocere. Questi cinque anni di consigliatura, ammesso che Alabrese con questa coalizione spuria riuscirà a portare a termine il mandato, cosa di cui dubito, potrebbero essere usati proficuamente dalle liste che fanno riferimento a Ciro D'Alò e Etta Ragusa per avviare un percorso di lavoro comune. Da questo punto di vista il primo passo concreto, ufficiale, potrebbe essere quello di creare un unico gruppo consiliare per mandare un messaggio politico forte della volontà di rinnovamento e di un lavoro di squadra che superi i personalismi e guardi al bene comune dell'amministrazione della città. Si potrà allora dire che non tutto è perduto.

Infine, una considerazione sulla coalizione guidata dal Pd. Quella coalizione, con Udc e Api, può funzionare a livello di governo centrale nel caso di caduta anticipata di Berlusconi e come transizione a nuove elezioni, non certo come alleanza elettorale programmatica. Temo che a Grottaglie, e sulla pelle dei grottagliesi, si sia attuato un esperimento di laboratorio il cui scienziato ha le fattezze del baffetto nazionale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Voterò SI perché mi fido dei Costituenti del '45

I sostenitori del NO alla riforma costituzionale sostengono che il Senato non elettivo limiterebbe quanto previsto dal secondo comma dell'art. 1 della Costituzione che recita: "La sovranità appartiene al popolo". Ciò che non dicono è che quel comma prosegue con un inciso: "che la esercita (la sovranità, ndr) nelle forme e nei limiti della Costituzione". Un'omissione non secondaria perché, invece, dà la misura precisa della lungimiranza dei padri Costituenti che avevano previsto la possibilità di una modifica nelle forme di esercizio della sovranità popolare. Se avessero voluto blindare la Carta fondamentale avrebbero scritto: "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita con voto proporzionale nell'elezione dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica". Inoltre, non è un caso che i Costituenti hanno inserito le modalità di espressione della sovranità popolare nella seconda parte della Costituzione, quella susce…

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

L'Italia che va a rotoli

L'Italia che va a rotoli è un paese in cui il senso del dovere di ciascuno e della tutela del bene comune è ridotto ai minimi termini. Controllori che sui treni non controllano non solo i biglietti, ma che passano oltre senza fare una piega se un ragazzotto mette le scarpe sul sedile difronte; vigili urbani che si girano dall'altra parte passando oltre un'auto parcheggiata in doppia fila; treni che fanno viaggiare i pendolari in condizioni disumane; cittadini che insozzano strade e giardini e che non si curano di pulire il marciapiedi davanti la soglia della propria casa perché è il Comune che se ne deve occupare. Tranne poi lamentarsi della mancanza di regole e invocare il pugno duro, ma sempre contro gli altri. Non cito nemmeno il caso dei piromani perché lì il senso civico, ovviamente, non c'entra nulla, nel senso che a muovere la mano sono interessi criminali precisi che col civismo c'entrano come i cavoli a merenda. Ho fatto un viaggio di  cinque ore, cambiando …