Passa ai contenuti principali

Su Battisti sto con Napolitano

Ha ragione il nostro Presidente della Repubblica: la decisione del Presidente brasiliano Lula "è incomprensibile". Tanto più che l'Italia negli anni delle feroci dittature militari nei paesi dell'America del sud, Brasile compreso, ha concesso, giustamente, l'asilo politico a molti perseguitati, mentre le stesse dittature militari concedevano rifugio e coperture illegali agli stragisti di destra del nostro paese che sfuggivano alla giustizia o che espatriavano con la copertura dei nostri servizi. Qualcuno andava in quei paesi persino a prestare i propri servigi criminali alle dittature. Dunque, semmai l'Italia ha un credito nei confronti di quei paesi, come il Brasile che da poco, e non tutti o del tutto ancora, hanno conosciuto la democrazia, e Lula dovrebbe saperlo e ricordarselo.

Sia detto per chiarezza: dal mio punto di vista Cesare Battisti con la "rivoluzione proletaria" non c'entra assolutamente nulla. È un assassino della peggior risma, è un criminale sanguinario che si convertì alla causa "rivoluzionaria" quando era già in carcere per reati comuni. Uno che rapinava le botteghe e uccideva per vendetta, come il macellaio Lino Sabbadin freddato perché aveva ucciso un terrorista reagendo all'ennesima rapina. Uno che uccide a sangue freddo per vendetta adotta la stessa logica criminale delle mafie che nulla ha a che fare con l'ideologia e la pratica della costruzione di un mondo migliore. I reati d'opinione, la presunta appartenenza politica del soggetto non c'entrano nulla, tanto più che non si è mai pentito né dissociato. Del resto da cosa doveva dissociarsi uno che uccide cittadini comuni per vendetta? Dall'ideologia? Credo che Battisti non sappia nemmeno dove stia di casa l'ideologia proletaria. Battisti deve pagare il suo debito con la società e la giustizia. Personaggi come lui non vanno confusi con la storia di chi, pur sbagliando, ha creduto nella lotta armata e identificava i propri bersagli, a torto (perché la storia li ha sconfessati), in coloro che rappresentavano lo Stato nemico e non in un inerme macellaio che aveva avuto il solo torto di difendere i propri beni.

Se Lula, non concedendo l'estradizione, ha pensato di tutelare il principio della difesa dei reati d'opinione o di tutelare i diritti di un oppositore politico, ha commesso un tragico errore di valutazione dando argomenti utili di propaganda proprio alla destra del nostro paese. Grazie Lula, per aver consentito a Berlusconi e La Russa di ergersi a paladini della democrazia.

Commenti

  1. concordo
    il Brasile ha per decenni rappresentato un rifugio sicuro per nazisti, terroristi di destra e mascalzoni di ogni risma
    adesso dovrebbero capire che quello lì è un criminale della peggior specie, travestito da anarchico

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Voterò SI perché mi fido dei Costituenti del '45

I sostenitori del NO alla riforma costituzionale sostengono che il Senato non elettivo limiterebbe quanto previsto dal secondo comma dell'art. 1 della Costituzione che recita: "La sovranità appartiene al popolo". Ciò che non dicono è che quel comma prosegue con un inciso: "che la esercita (la sovranità, ndr) nelle forme e nei limiti della Costituzione". Un'omissione non secondaria perché, invece, dà la misura precisa della lungimiranza dei padri Costituenti che avevano previsto la possibilità di una modifica nelle forme di esercizio della sovranità popolare. Se avessero voluto blindare la Carta fondamentale avrebbero scritto: "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita con voto proporzionale nell'elezione dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica". Inoltre, non è un caso che i Costituenti hanno inserito le modalità di espressione della sovranità popolare nella seconda parte della Costituzione, quella susce…

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…