Passa ai contenuti principali

Su Battisti sto con Napolitano

Ha ragione il nostro Presidente della Repubblica: la decisione del Presidente brasiliano Lula "è incomprensibile". Tanto più che l'Italia negli anni delle feroci dittature militari nei paesi dell'America del sud, Brasile compreso, ha concesso, giustamente, l'asilo politico a molti perseguitati, mentre le stesse dittature militari concedevano rifugio e coperture illegali agli stragisti di destra del nostro paese che sfuggivano alla giustizia o che espatriavano con la copertura dei nostri servizi. Qualcuno andava in quei paesi persino a prestare i propri servigi criminali alle dittature. Dunque, semmai l'Italia ha un credito nei confronti di quei paesi, come il Brasile che da poco, e non tutti o del tutto ancora, hanno conosciuto la democrazia, e Lula dovrebbe saperlo e ricordarselo.

Sia detto per chiarezza: dal mio punto di vista Cesare Battisti con la "rivoluzione proletaria" non c'entra assolutamente nulla. È un assassino della peggior risma, è un criminale sanguinario che si convertì alla causa "rivoluzionaria" quando era già in carcere per reati comuni. Uno che rapinava le botteghe e uccideva per vendetta, come il macellaio Lino Sabbadin freddato perché aveva ucciso un terrorista reagendo all'ennesima rapina. Uno che uccide a sangue freddo per vendetta adotta la stessa logica criminale delle mafie che nulla ha a che fare con l'ideologia e la pratica della costruzione di un mondo migliore. I reati d'opinione, la presunta appartenenza politica del soggetto non c'entrano nulla, tanto più che non si è mai pentito né dissociato. Del resto da cosa doveva dissociarsi uno che uccide cittadini comuni per vendetta? Dall'ideologia? Credo che Battisti non sappia nemmeno dove stia di casa l'ideologia proletaria. Battisti deve pagare il suo debito con la società e la giustizia. Personaggi come lui non vanno confusi con la storia di chi, pur sbagliando, ha creduto nella lotta armata e identificava i propri bersagli, a torto (perché la storia li ha sconfessati), in coloro che rappresentavano lo Stato nemico e non in un inerme macellaio che aveva avuto il solo torto di difendere i propri beni.

Se Lula, non concedendo l'estradizione, ha pensato di tutelare il principio della difesa dei reati d'opinione o di tutelare i diritti di un oppositore politico, ha commesso un tragico errore di valutazione dando argomenti utili di propaganda proprio alla destra del nostro paese. Grazie Lula, per aver consentito a Berlusconi e La Russa di ergersi a paladini della democrazia.

Commenti

  1. concordo
    il Brasile ha per decenni rappresentato un rifugio sicuro per nazisti, terroristi di destra e mascalzoni di ogni risma
    adesso dovrebbero capire che quello lì è un criminale della peggior specie, travestito da anarchico

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

15 novembre 1943 la strage fascista a Ferrara

Il 15 novembre 1943 una rappresaglia fascista compì una strage, nota come strage del Castello Estense, a seguito dell'assassinio del federale Iginio Ghisellini attribuendo l'omicidio agli antifascisti. La storia ha poi accertato che si trattò di un regolamento di conti interno ai repubblichini. Dopo la liberazione quello che era Corso Roma divenne Corso Martiri della Libertà.




"La mostra sospesa" dal golpe di Pinochet ora a #Bologna

México. "La mostra sospesa". Si intitola così perché doveva essere inaugurata il 13 settembre 1973 a Santiago del Cile. Due giorni prima il generale Pinochet e la sua marmaglia attuarono il colpo di stato che portò alla morte Salvador Allende e la democrazia cilena. Da allora le opere oggi in mostra a Bologna a #PalazzoFava (fino al 18 febbraio prossimo), dopo essere state impacchettate in fretta e furia e rispedite in Messico da dove provenivano, non sono mai più uscite. Si tratta, dunque, di una prima assoluta in Europa. A palazzo Fava sono esposte opere di Orozco, Rivera e Siqueiros, tre dei più importanti muralisti messicani. Non vi parlerò della mostra né delle opere esposte perché non sono un critico d'arte, non è il mio mestiere. Di certo posso dire che ci sono opere di una potenza espressiva straordinaria per le emozioni che suscitano. Di una, in particolare, vorrei parlare: "Cristo distrugge la croce" (nella foto), del 1943, di Orozco. Un Cristo sceso…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…