Passa ai contenuti principali

Delbono-Vendola. Modello bolognese VS modello pugliese

Quando la storia si fa beffe degli uomini! "C'è Delbono a Bologna", diceva lo slogan della campagna elettorale del candidato sindaco giocando sulle parole. Pane per i denti dei comici nostrani. Il sindaco uscente potrà, si spera, provare la sua estraneità penale ai fatti contestati, ma per intanto il danno è fatto e resterà a lungo come uno sfregio sul volto della città.

La vera beffa che la storia si è presa il gusto di infliggere sta nella contemporaneità delle dimissioni di Delbono a Bologna e il trionfo, ad ottocento chilometri di distanza, in Puglia, di Nichi Vendola. Perché la definisco una beffa? Perché da un lato la forza spontanea dei cittadini, che non si sono fidati del più grande partito di opposizione, ha spazzato via i giochi dell'apparato alle primarie per la presidenza della Regione Puglia. Apparato del partito pugliese, sia detto per inciso, controllato da D'Alema che aveva paracadutato un proprio uomo. Dall'altro, invece, il più forte apparato del Pd nazionale, quello bolognese, quello che invece riuscì ad orientare le primarie per il primo cittadino, subisce una debacle politica per implosione i cui esiti sono ancora incalcolabili. Migliaia di militanti e simpatizzanti, ancora una volta, avevano dato retta proprio a quel potente apparato e alla sua macchina organizzativa preferendo Delbono ai suoi compagni-avversari. Ora la delusione è tanto più cocente, la ferita tanto più profonda, quanto più alta era stata la fiducia riposta nell'uomo e nel partito che non ha saputo scegliere adeguatamente il candidato da sostenere. Tanto più che una città come Bologna, dopo 65 anni di governo di sinistra (a parte la breve parentesi guazzalochiana, più per abbandono del match da parte degli avversari, ad onor del vero, che per merito dell'ex presidente Ascom) conosce il commissariamento per la prima volta nella sua storia. Un fatto anche solo lontanamente immaginabile.

Bologna. Città simbolo. Bologna città mito di buona amministrazione, dove il modello nord-europeo di coniugazione del capitalismo e della solidarietà aveva trovato applicazione in un paese del Mediterraneo come il nostro. Bologna il cui modello non c'è più. Bologna che tende sempre più ad assomigliare a Roma anche nel malcostume. E non basta, anzi è ipocrita, dire: "sì, ma noi ci dimettiamo". Come se dimettersi non fosse un atto dovuto. In un paese civile, "normale", le dimissioni sono l'ABC del senso civico. E di questo va dato atto a Delbono. Dimettersi non è un atto di diversità. La diversità vera sta a monte, sta nel non uso privato e personalistico delle istituzioni, sta nel credere al proprio ruolo come servizio ai cittadini. Le stanze del potere e quelle dell'alcova sono sempre state intercomunicanti, da che mondo e mondo. Non sta qui lo scandalo. La vera perversione non è questa, perché altrimenti si rischia di fare del facile moralismo. La vera perversione sta nell'uso personale e privato che si fa delle istituzioni pubbliche e dei ruoli pubblici che si è chiamati a ricoprire.

Ecco, è proprio in questo errore di valutazione del personale politico da parte del partito che sta il naufragio del modello bolognese, semmai ancora esisteva. Un modello che ha visto sindaci come Dozza, Zangheri, Imbeni, e altri, invece, più recenti, non all'altezza della sua storia. Ora, è come se l'amministratore delegato di un'azienda avesse sbagliato completamente nella selezione degli uomini che andranno a ricoprire posti chiave portando l'impresa al fallimento. Ed è da alcuni anni che succede. La conseguenza inevitabile e sacrosanta sarebbe quella di essere cacciato a calci nel culo il giorno dopo dagli azionisti. Fuor di metafora, forse sarebbe il caso che gli iscritti al Pd bolognese (gli azionisti, appunto), e non solo, chiedessero le dimissioni anche di qualche segretario del partito a vari livelli. A questo punto si tratterà di avviare una riflessione anche su chi ha voluto e sponsorizzato così fortemente Delbono. Su chi ha profuso energie nel mobilitare le truppe cammellate del partito. Non sto pensando, ovviamente, ad una singola persona, sarebbe manicheo, ma un sistema di regole di partecipazione democratica vera che i partiti devono imparare ad adottare ascoltando di più le persone, soprattutto quelle più lontane da sé per avere veramente il polso della situazione smettendo i panni dei guru della politica che, come si è visto, non ci azzeccano. Non ci hanno azzeccato in Puglia così come a Bologna. Questi due casi sono la dimostrazione evidente dello scollamento del partito dalla realtà della società civile, sono la dimostrazione di un'autoreferenzialità che rischia di portarlo all'estinzione. È ora di aprire porte e finestre e lasciarsi contaminare da un meticciato politico per sviluppare sani anticorpi, un meticciato che non avrà gli esami del sangue conformi alla linea dettata dai vertici, ma per lo meno sarà un corpo vivo e sano. E chissà che anche i giovani non prendano la passione della politica intravedendo la possibilità di un assalto creativo al palazzo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Voterò SI perché mi fido dei Costituenti del '45

I sostenitori del NO alla riforma costituzionale sostengono che il Senato non elettivo limiterebbe quanto previsto dal secondo comma dell'art. 1 della Costituzione che recita: "La sovranità appartiene al popolo". Ciò che non dicono è che quel comma prosegue con un inciso: "che la esercita (la sovranità, ndr) nelle forme e nei limiti della Costituzione". Un'omissione non secondaria perché, invece, dà la misura precisa della lungimiranza dei padri Costituenti che avevano previsto la possibilità di una modifica nelle forme di esercizio della sovranità popolare. Se avessero voluto blindare la Carta fondamentale avrebbero scritto: "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita con voto proporzionale nell'elezione dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica". Inoltre, non è un caso che i Costituenti hanno inserito le modalità di espressione della sovranità popolare nella seconda parte della Costituzione, quella susce…

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

Alitalia non è strategica per il paese

Non credo ci siano i presupposti per una nazionalizzazione di Alitalia. Le compagnie aeree non sono più strategiche per un paese con l'apertura della concorrenza. Lo sono le infrastrutture, gli aeroporti (non certo i singoli vettori), la rete ferroviaria, l'intermodalità treno-nave per le merci, e quindi i porti, le autostrade, e ora, sempre più, le dorsali telematiche, la fibra ottica, l'industria e la ricerca informatica, l'hi-tech, l'industria metallurgica. Non conta più chi trasporta, ma chi gestisce la logistica. Questi, sono convinto, siano sempre più gli asset strategici per la competitività di un paese, non una singola compagnia aerea in un'era in cui l'offerta di trasporto è cresciuta esponenzialmente con compagnie di volo affidabili a costi di molto più concorrenziali rispetto ad Alitalia, anche dal punto di vista dell'offerta qualitativa. Da anni Alitalia non era più competitiva, proprio per i costi che era costretta a sostenere per una prolif…