Passa ai contenuti principali

Tempi di vita e tempi di lavoro per un programma riformatore


C'è un punto che i sindacati e le diverse anime della sinistra continuano ad eludere nel dibattito politico e nel confronto con il governo: la riduzione dell'orario di lavoro a 35 ore. Ne abbiamo parlato ancora su questa pagina e ci ritorniamo perché è un punto dirimente dell'identità della sinistra.
E' proprio sul conflitto tra tempi di vita e tempi di lavoro che storicamente si è cementata l'identità di classe. Oggi questo tema è scomparso completamente dal dibattito politico. Eppure, se c'è una risorsa preziosa in assoluto questo è il tempo. Prima di tutto perché è una risorsa a somma zero: se ne dedichiamo una certa quota per una cosa ne rimane meno per un'altra. Inoltre, spesso, non siamo noi a decidere quanta parte del nostro tempo dobbiamo dedicare alle diverse attività tra cui il lavoro è la parte preponderante. In secondo luogo, è una risorsa limitata, a scadenza, a tempo determinato, scusate il gioco di parole, l'unica di cui abbiamo la certezza assoluta fin dalla nascita che prima o poi finirà. Ed è per questo, per la stessa legge di mercato, che se una risorsa è limitata il suo valore aumenta. Perché questo non vale anche per il tempo della nostra vita che sappiamo essere limitato, anche se non possiamo sapere di quanto? Perché si accetta, allora, di pagare dei lavori con i voucher a sette euro e cinquanta netti l'ora? Tanto vale, oggi, un'ora di vita di una persona? Nonostante ciò siamo disposti a barattare quote sempre maggiori di questa risorsa così preziosa per poter accedere a consumi via via più superflui. Come dice Mujica, ex presidente dell'Uruguay, quando acquistiamo un qualsiasi prodotto dobbiamo essere consapevoli che lo stiamo pagando con il nostro tempo di vita. 
Se non si riporta al centro di un programma politico, non dico di sinistra, ma almeno progressista riformatore, il tema del rapporto tra tempi di vita e tempi di lavoro non si darà alle persone, e soprattutto ai giovani, un orizzonte per il quale valga la pena impegnarsi e lottare per una società migliore.

Commenti

Post popolari in questo blog

15 novembre 1943 la strage fascista a Ferrara

Il 15 novembre 1943 una rappresaglia fascista compì una strage, nota come strage del Castello Estense, a seguito dell'assassinio del federale Iginio Ghisellini attribuendo l'omicidio agli antifascisti. La storia ha poi accertato che si trattò di un regolamento di conti interno ai repubblichini. Dopo la liberazione quello che era Corso Roma divenne Corso Martiri della Libertà.




"La mostra sospesa" dal golpe di Pinochet ora a #Bologna

México. "La mostra sospesa". Si intitola così perché doveva essere inaugurata il 13 settembre 1973 a Santiago del Cile. Due giorni prima il generale Pinochet e la sua marmaglia attuarono il colpo di stato che portò alla morte Salvador Allende e la democrazia cilena. Da allora le opere oggi in mostra a Bologna a #PalazzoFava (fino al 18 febbraio prossimo), dopo essere state impacchettate in fretta e furia e rispedite in Messico da dove provenivano, non sono mai più uscite. Si tratta, dunque, di una prima assoluta in Europa. A palazzo Fava sono esposte opere di Orozco, Rivera e Siqueiros, tre dei più importanti muralisti messicani. Non vi parlerò della mostra né delle opere esposte perché non sono un critico d'arte, non è il mio mestiere. Di certo posso dire che ci sono opere di una potenza espressiva straordinaria per le emozioni che suscitano. Di una, in particolare, vorrei parlare: "Cristo distrugge la croce" (nella foto), del 1943, di Orozco. Un Cristo sceso…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…