Passa ai contenuti principali

Lettera aperta ad una signora automobilista

Chi mi conosce sa che sono un ciclista urbano incallito. Mi rivolgo alla gentile signora che giovedì mattina intorno alle 7.50 ha pensato di bloccare il traffico per impedirmi di andare controsenso in bicicletta.
Racconto il fatto. Avevo appena imboccato Porta S. Pietro, nel tratto Carlo Mayr-Saraceno proprio sotto il semaforo, quando una signora in Smart, nemmeno in suv, ha pensato bene di spostarsi tutta a sinistra quasi investendomi, per impedirmi di procedere controsenso in quel tratto a senso unico, senza rendersi conto che se io ero controsenso lei, spostandosi tutta a sinistra, era contromano. Ma fa niente. Sta di fatto che si è creata una coda di altre auto e a quel punto la signora ha deciso di riprendere la sua strada di fronte al mio restare immobile sul margine destro della strada.
Avrei voluto invitarla a prendere un caffè per spiegarle perché un ciclista decide di andare contro senso, tanto più con un clima avverso come è quello di questi giorni, ma non c’è stato né tempo né modo. Quindi, ho pensato di scriverle attraverso i giornali locali e questo blog.
Vede signora, un ciclista decide di andare controsenso, non contromano, non perché è un incallito criminale o uno che disprezza le regole, né tanto meno per fare un dispetto agli automobilisti. Lo fa perché spendendo energia muscolare e facendo fatica, soprattutto se il clima è avverso come dicevo prima, cercherà la via più breve per raggiungere la sua destinazione. Tanto più che lo spazio occupato da un ciclista è lo stesso che occupa un pedone. Consideri, poi, che ogni ciclista in circolazione è un’auto in meno in strada e questo consente anche a lei di circolare con più fluidità con la sua auto e anche di trovare più facilmente da parcheggiare. Provi ad immaginare se tutte le bici in strada a Ferrara, come d’incanto, si trasformassero in altrettante auto. Sarebbe il finimondo. 
So anche io che ci sono ciclisti indisciplinati, che violano le regole con disprezzo, così come ci sono degli automobilisti dello stesso tipo. Si tratta per noi ciclisti di andare controsenso con buon senso (potrebbe essere lo slogan per una campagna di sensibilizzazione) e per voi automobilisti, quando ci incrociate, di pensare che in fondo non vi stiamo togliendo nulla, anzi vi stiamo cedendo spazio in strada per le considerazioni che facevo prima.
Gentile signora, la prossima volta che mi incontra si fermi, le offrirò volentieri un caffè e spero che potremo così convivere più civilmente.

Commenti

Post popolari in questo blog

15 novembre 1943 la strage fascista a Ferrara

Il 15 novembre 1943 una rappresaglia fascista compì una strage, nota come strage del Castello Estense, a seguito dell'assassinio del federale Iginio Ghisellini attribuendo l'omicidio agli antifascisti. La storia ha poi accertato che si trattò di un regolamento di conti interno ai repubblichini. Dopo la liberazione quello che era Corso Roma divenne Corso Martiri della Libertà.




"La mostra sospesa" dal golpe di Pinochet ora a #Bologna

México. "La mostra sospesa". Si intitola così perché doveva essere inaugurata il 13 settembre 1973 a Santiago del Cile. Due giorni prima il generale Pinochet e la sua marmaglia attuarono il colpo di stato che portò alla morte Salvador Allende e la democrazia cilena. Da allora le opere oggi in mostra a Bologna a #PalazzoFava (fino al 18 febbraio prossimo), dopo essere state impacchettate in fretta e furia e rispedite in Messico da dove provenivano, non sono mai più uscite. Si tratta, dunque, di una prima assoluta in Europa. A palazzo Fava sono esposte opere di Orozco, Rivera e Siqueiros, tre dei più importanti muralisti messicani. Non vi parlerò della mostra né delle opere esposte perché non sono un critico d'arte, non è il mio mestiere. Di certo posso dire che ci sono opere di una potenza espressiva straordinaria per le emozioni che suscitano. Di una, in particolare, vorrei parlare: "Cristo distrugge la croce" (nella foto), del 1943, di Orozco. Un Cristo sceso…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…