Passa ai contenuti principali

Il Tfr e il paradigma del nostro rapporto col futuro

Taglio della foresta amazzonica
Tfr subito o differito, come vuole l'acronimo di "Trattamento di fine rapporto"? E' come chiedersi se si preferisce la gallina oggi o l'uovo domani. Molti di noi sono propensi a mangiarsi la gallina oggi perché domani chissà se la gallina sarà ancora in grado di fare le uova.
Fuori di metafora e dei proverbi  questo approccio alla proposta del Tfr in busta paga va oltre il caso specifico in sé pensato per cercare di dare ossigeno all'attivazione di un'economia bloccata ormai da anni. Questo approccio ha più a che fare con un modello culturale sempre più dominante, è il paradigma di un modello predatorio di risorse che se ne infischia del futuro del pianeta e delle generazioni. Ciò che conta è consumare qui e ora, prendere tutto il possibile ci è consentito in una falsa illusione di vivere in un sistema infinito di risorse o in una illusoria visione messianica di un futuro dalle magnifiche sorti e progressive. La consapevolezza di vivere in un sistema naturale finito, non ha nulla a che fare con una visione pessimistica del futuro, per cui chi sceglie uno stile di vita parsimonioso, sobrio, in equilibrio il più possibile con il mondo circostante è visto come un soggetto depresso e pessimista. E si sa quanto il pessimismo incida sui valori di borsa.
No! Qui si tratta, invece, di avere una visione positiva del futuro. Si tratta di garantire la continuità di un sistema e di un pianeta come atto di generosità nei confronti delle generazioni future e del pianeta per cui evito di tagliare il ramo su cui sono seduto perché altri dopo di me possa sedercisi. Al contrario la visione giovanilistica, che in Italia si incarna nel renzismo il quale ha fatto della rottamazione delle vecchie generazioni la sua bandiera, è una sorta di revanchismo, di rivalsa, dopo una crescita che sembrava senza limiti e che ha lasciato ai giovani le briciole. Ora tocca a noi. è l'imperativo. Giusto! E domani? Chi si occupa del domani? Non è proprio quello stesso modello culturale che si contesta alle generazioni precedenti che viene riproposto ora?
Ognuno, se dovesse passare il disegno di legge, faccia ciò che vuole del proprio Tfr. Non è questo il punto. Il punto, ripeto, è che questo tipo di proposte sono perfettamente in linea con un modello culturale che ha come suo unico orizzonte il presente senza alcuna prospettiva futura, senza alcun progetto di futuro, senza
alcuna visione, senza alcun modello di società a cui vogliamo tendere. Un modello predatorio del tutto e subito. Allora chi è più pessimista, colui che evita di mangiarsi la gallina oggi o colui che decide di farsela in brodo subito?

Commenti

Post popolari in questo blog

Voterò SI perché mi fido dei Costituenti del '45

I sostenitori del NO alla riforma costituzionale sostengono che il Senato non elettivo limiterebbe quanto previsto dal secondo comma dell'art. 1 della Costituzione che recita: "La sovranità appartiene al popolo". Ciò che non dicono è che quel comma prosegue con un inciso: "che la esercita (la sovranità, ndr) nelle forme e nei limiti della Costituzione". Un'omissione non secondaria perché, invece, dà la misura precisa della lungimiranza dei padri Costituenti che avevano previsto la possibilità di una modifica nelle forme di esercizio della sovranità popolare. Se avessero voluto blindare la Carta fondamentale avrebbero scritto: "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita con voto proporzionale nell'elezione dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica". Inoltre, non è un caso che i Costituenti hanno inserito le modalità di espressione della sovranità popolare nella seconda parte della Costituzione, quella susce…

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

Alitalia non è strategica per il paese

Non credo ci siano i presupposti per una nazionalizzazione di Alitalia. Le compagnie aeree non sono più strategiche per un paese con l'apertura della concorrenza. Lo sono le infrastrutture, gli aeroporti (non certo i singoli vettori), la rete ferroviaria, l'intermodalità treno-nave per le merci, e quindi i porti, le autostrade, e ora, sempre più, le dorsali telematiche, la fibra ottica, l'industria e la ricerca informatica, l'hi-tech, l'industria metallurgica. Non conta più chi trasporta, ma chi gestisce la logistica. Questi, sono convinto, siano sempre più gli asset strategici per la competitività di un paese, non una singola compagnia aerea in un'era in cui l'offerta di trasporto è cresciuta esponenzialmente con compagnie di volo affidabili a costi di molto più concorrenziali rispetto ad Alitalia, anche dal punto di vista dell'offerta qualitativa. Da anni Alitalia non era più competitiva, proprio per i costi che era costretta a sostenere per una prolif…