Passa ai contenuti principali

Oslo non è lontana da Roma

Livù magazine, n. 42/2011. Pubblicato con il titolo "Templari. Perché la strage di Oslo non potrebbe essere lontana"

La strage di Oslo dimostra in modo eclatante quante tossine la politica può immettere nel flusso vitale della società e di quali effetti possano provocare. Di conseguenza di quanto grande sia la sua responsabilità. Anders Behring Breivik, l'assassino norvegese, non è un marginale, uno sbandato, un fanatico musulmano, è uno che usa i moderni strumenti di comunicazione, che si documenta, perfettamente integrato, uno come tanti, bombardato dalla retorica politica sulla difesa dei valori occidentali dominanti, minacciati sia dall'arrivo di persone portatrici di altre culture, sia da tutti coloro che sono portatori di un'altra visione della vita e del mondo, da qui l'attacco al raduno dei giovani di sinistra. È figlio non solo dell'odio dell'11 settembre 2001, ma di tutta la politica xenofoba che attraversa l'Europa, dal Front National fondato da Jean Marie Le Pen, passando per la Lega nostrana e i movimenti di estrema destra dell'Europa del nord. Un Breivik potrebbe essere anche qui, tra noi, con i nostri stessi lineamenti, il nostro stesso colore della pelle e la nostra stessa nazionalità. Non ci sarebbe nulla di cui stupirsi in un paese come il nostro capace di leggi vergognose che prevedono, questa sì una barbarie, i respingimenti in mare e i lager chiamati centri di identificazione. Eppure gli immigrati continuano ad arrivare e in proporzione cresce l'intolleranza alimentata da una mala politica. A quel punto scatta la molla della violenza che chiede proprio alla politica, come nel caso di Oslo, coerenza e fermezza "nella difesa dei nostri valori". Dunque, un integralismo non d'importazione, ma generato dalla nostra stessa cultura, quella che ci permea, quella che ha consentito il 26 luglio scorso alla Camera di bocciare il disegno di legge che prevede l'inserimento nell'art. 61 del codice penale dell'aggravante dell'omofobia e transfobia nei delitti non colposi contro la persona. Non si stava chiedendo di riconoscere i matrimoni gay, ma di punire con più severità chi usa violenza contro una persona ispirato da motivi di discriminazione sessuale: "Te meno perché sei frocio!". Cos'è questo se non un incitamento all'odio nei confronti di chi esprime un diverso orientamento sessuale, nei confronti di chi è considerato una minaccia alla base della nostra cultura cattolica che vede nella famiglia fondata sul matrimonio il nucleo fondamentale della società? E non si definiva, forse, un templare Breivik, un difensore della cristianità occidentale? Ben 293 templari hanno gettato la maschera in Parlamento con quel voto vergognoso! Tanti sono stati i deputati che hanno affondato quel provvedimento. Ecco dove sta l'origine di tanto male: in una politica non più capace di concepire il bene, il rispetto, l'accoglienza, la difesa della dignità umana. Poi non ci meravigliamo se scopriamo che il peggior nemico si nasconde proprio dietro la porta del nostro tranquillo pianerottolo e magari va a messa tutte le domeniche dopo averci salutato cordialmente incrociandoci per le scale.

Giuseppe Fornaro

Commenti

Post popolari in questo blog

Voterò SI perché mi fido dei Costituenti del '45

I sostenitori del NO alla riforma costituzionale sostengono che il Senato non elettivo limiterebbe quanto previsto dal secondo comma dell'art. 1 della Costituzione che recita: "La sovranità appartiene al popolo". Ciò che non dicono è che quel comma prosegue con un inciso: "che la esercita (la sovranità, ndr) nelle forme e nei limiti della Costituzione". Un'omissione non secondaria perché, invece, dà la misura precisa della lungimiranza dei padri Costituenti che avevano previsto la possibilità di una modifica nelle forme di esercizio della sovranità popolare. Se avessero voluto blindare la Carta fondamentale avrebbero scritto: "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita con voto proporzionale nell'elezione dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica". Inoltre, non è un caso che i Costituenti hanno inserito le modalità di espressione della sovranità popolare nella seconda parte della Costituzione, quella susce…

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…