Passa ai contenuti principali

"Nerella pecorella e altre storie". Un libro di favole che parla anche agli adulti

"Non raccontarmi delle favole", tendono a dire gli adulti a chi cerca di raccontare cose inverosimili. Leggendo il libro di Antonella Ligorio, "Nerella pecorella e altre storie", Poiesis, piccola, ma attiva casa editrice di Alberobello, invece viene proprio da dire "raccontamene delle altre".
Sei piccole storie ("Gocciolina e Diamante", "Nerella la pecorella", "La Cicuta e il Gelsomino", "Buly, la farfalla vanitosa", "Ispido, il riccio ingordo e "Stellina"), come altrettante perle incastonate nelle pagine di questo libro elegante nel formato e nell'impaginazione, impreziosito dai disegni di Michele Maranò, dove persino la scelta della carta non è casuale e richiama quella ruvida degli album da disegno su cui Maranò ama esprimersi. Disegni ispirati dalle sei storie, ma che vivono di vita propria come altrettante opere a sé.
Quelle di Antonella Ligorio non sono solo favole per bambini, ma contengono un grande messaggio anche per gli adulti. Ligorio compie una precisa scelta di campo valoriale in questo mondo dove l'apparire e l'avere vincono sull'essere. E allora il filo conduttore di tutto il libro è proprio questo: un messaggio di speranza che sia ancora possibile che l'essere faccia premio sull'avere e sulle apparenze. Così in "Gocciolina e Diamante", un vero e proprio manifesto pro acqua pubblica ante litteram (perché scritta prima della raccolta di firme per il referendum) dove una goccia d'acqua, nella sua corsa dal cielo al mare, si scontra con un diamante. In questo incontro-scontro tra i due protagonisti emerge nitida l'ingordigia degli uomini disposti a guerre atroci per un'illusione di potenza data dai diamanti nel mentre si devasta la natura e con essa l'acqua stessa alla cui famiglia Gocciolina appartiene. Senza essere consapevoli che proprio dall'acqua viene la vita, il bene più prezioso di qualsiasi diamante esistente sulla terra. E infatti Gocciolina lancia un disperato appello a coloro che hanno tolto la libertà e la purezza all'acqua affinché rinsaviscano, "prima che per noi sia troppo tardi, perché allora sarà troppo tardi per tutto il creato!".
E' sempre difficile recensire un libro di favole perché nella necessaria sintesi di una recensione si rischia di banalizzare i contenuti profondi delle storie e di riscriverle edulcorandole e depotenziandone la profondità dei sentimenti che Antonella Ligorio, con maestria, ha saputo restituirci in questo libro. E tuttavia merita ancora qualche riflessione prima di lasciare i lettori immergersi nelle sei favole originali.
"Nerella la pecorella", che dà il titolo al libro, è una straordinaria metafora di quanto solo coloro che vivono nella propria carne la discriminazione derivante dalla propria diversità, siano ancora capaci di atti di generosità e solidarietà. Nerella è una pecora nera in un branco di pecore dal mantello candido e per questo è emarginata, nessuno vuole giocare con lei. Un giorno una sua compagna fu scaraventata in una scarpata da un furgone che l'aveva investita. Lei fu l'unica a lanciarsi per salvare la compagna e riportarla in cima. Da allora fu accolta come una eroe e il colore del suo mantello non fece più velo su ciò che lei era veramente dentro di sé.
Antonella Ligorio, disegni di Michele Maranò, "Nerella pecorella e altre storie", Poiesis editrice.

Giuseppe Fornaro

Commenti

Post popolari in questo blog

Voterò SI perché mi fido dei Costituenti del '45

I sostenitori del NO alla riforma costituzionale sostengono che il Senato non elettivo limiterebbe quanto previsto dal secondo comma dell'art. 1 della Costituzione che recita: "La sovranità appartiene al popolo". Ciò che non dicono è che quel comma prosegue con un inciso: "che la esercita (la sovranità, ndr) nelle forme e nei limiti della Costituzione". Un'omissione non secondaria perché, invece, dà la misura precisa della lungimiranza dei padri Costituenti che avevano previsto la possibilità di una modifica nelle forme di esercizio della sovranità popolare. Se avessero voluto blindare la Carta fondamentale avrebbero scritto: "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita con voto proporzionale nell'elezione dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica". Inoltre, non è un caso che i Costituenti hanno inserito le modalità di espressione della sovranità popolare nella seconda parte della Costituzione, quella susce…

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…