Passa ai contenuti principali

Non sono un pacifista, ma sto con Emergency

Non sono un pacifista, ma sto con Emergency. Una posizione apparentemente contraddittoria, ma credo abbia legittimità di cittadinanza anche tra quanti stanno con l'organizzazione di Gino Strada senza se e senza ma. Si tratta di capirsi sul termine pacifista e cercherò di spiegarmi.

Ritengo ci siano guerre che sia necessario e giusto combattere e nel fare questa affermazione non penso certo alle guerre degli eserciti e degli stati, penso alle guerre di liberazione dei popoli, come fu la nostra Resistenza, come furono le guerre di liberazione dal colonialismo in Africa negli anni Sessanta e Settanta, come fu la rivoluzione cubana e quelle tentate dal Che nell'America del sud, come fu la lotta Sandinista in Nicaragua negli anni Ottanta. In questa accezione non sono un pacifista.

Se invece per pacifismo si intende un impegno civile costante e quotidiano affinché le guerre non siano più necessarie, affinché l'oppressione dell'uomo sull'uomo non abbia diritto di cittadinanza in questo mondo, beh, allora, mi sento un pacifista. Ed è per questo che sto con Emergency, con il suo impegno quotidiano affinché prevalga un senso nuovo di umanità. Sto con Emergency anche per un'altra ragione più specifica che ha a che fare con la guerra in Afghanistan. La barzelletta che le forze occidentali sono in quel paese per ripristinare la democrazia è, appunto, una barzelletta da bar sport. Gli Stati Uniti, è bene ricordarlo, hanno finanziato per decenni i talebani quando il mondo era diviso in blocchi e quel paese era sotto l'influenza dell'Unione Sovietica, hanno armato e addestrato Ben Laden e i suoi uomini e come un apprendista stregone la loro creatura gli si è rivoltata contro. Per la stessa ragione ora occupano quel paese, perché di quel paese interessa, ora come allora, la posizione strategica nello scacchiere geopolitico del mondo e le risorse naturali che contiene, petrolio in primo luogo. Tutto ciò non ha nulla a che fare con una guerra necessaria e giusta, tanto meno quando la maggioranza delle vittime, come più volte ha ripetuto Gino Strada, sono donne e bambini, è la popolazione civile.

Sento già l'obiezione: senza l'intervento degli Stati Uniti nemmeno noi avremmo potuto liberarci dal nazi-fascismo. Vero, e non si può non essere grati per quell'intervento, ma è bene ricordare che non fu certo gratuito. Abbiamo pagato abbondantemente il nostro debito con gli Stati Uniti. Il prezzo che abbiamo dovuto pagare è stato alto in vite umane e in democrazia bloccata. Per gli Usa noi rappresentavamo, per la nostra posizione strategica nel Mediterraneo, un avamposto nella contrapposizione di quello che sarà il mondo diviso in blocchi. Sul nostro territorio per decenni si è combattuta una guerra camuffata da terrorismo interno, con centinaia di vittime. Tutte le stragi e la strategia della tensione provengono da lì, dalla guerra non dichiarata ufficialmente contro il più grande partito comunista occidentale e contro una fetta consistente di cittadini italiani che a quel partito davano il loro consenso. Per decenni siamo stati un paese a sovranità limitata. Ci furono anni in cui il progetto di colpo di stato era all'ordine del giorno e prevedeva l'arresto dei dirigenti del Pci e della Cgil sul modello che fu attuato nel Cile di Pinochet. Poi si scoprì che esisteva un'organizzazione segreta che avrebbe dovuto attuare, con la complicità di apparati dello Stato, quel progetto con uomini addestrati militarmente per farlo. Si chiamava Gladio. Ma chi se ne ricorda più di tutto ciò?

E poi, cosa c'entrano gli Stati Uniti e l'alleanza occidentale nell'occupazione dell'Afghanistan o dell'Iraq? Chi li ha investiti di questa autorità di polizia internazionale? Si è fatto dell'Onu carta straccia ripristinando le condizioni precedenti la seconda guerra mondiale in cui a dettare legge erano le potenze più forti. Fu proprio per la lezione di quel conflitto che il mondo si dotò di un organismo sovranazionale per dirimere le controversie. Ma l'Onu, ormai da molto tempo, è esautorato politicamente ed economicamente. Non ha risorse proprie anche perché gli Stati membri, Usa in testa, non versano da anni i contributi economici previsti. Una vergogna.

Sto con Emergency perché la costruzione di una umanità nuova richiede che ci siano persone che lavorano per difendere i più deboli, le vittime innocenti delle guerre di cui l'umanità dovrebbe imparare a fare a meno, perché le vittime pur nell'orrore della guerra possano coltivare la speranza di un futuro diverso di fratellanza nella misura in cui, lacere e ferite, sono accolte e curate da altri uomini che hanno scelto un modello di vita che esclude l'orrore e la sopraffazione dal proprio agire.

Commenti

Post popolari in questo blog

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

L'Italia che va a rotoli

L'Italia che va a rotoli è un paese in cui il senso del dovere di ciascuno e della tutela del bene comune è ridotto ai minimi termini. Controllori che sui treni non controllano non solo i biglietti, ma che passano oltre senza fare una piega se un ragazzotto mette le scarpe sul sedile difronte; vigili urbani che si girano dall'altra parte passando oltre un'auto parcheggiata in doppia fila; treni che fanno viaggiare i pendolari in condizioni disumane; cittadini che insozzano strade e giardini e che non si curano di pulire il marciapiedi davanti la soglia della propria casa perché è il Comune che se ne deve occupare. Tranne poi lamentarsi della mancanza di regole e invocare il pugno duro, ma sempre contro gli altri. Non cito nemmeno il caso dei piromani perché lì il senso civico, ovviamente, non c'entra nulla, nel senso che a muovere la mano sono interessi criminali precisi che col civismo c'entrano come i cavoli a merenda. Ho fatto un viaggio di  cinque ore, cambiando …

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…