Passa ai contenuti principali

Ferrara città omertosa

Ferrara è una città omertosa. Cercherò di motivare questa affermazione ricostruendo alcuni fatti. Il 17 ottobre scorso, un mese fa, a Palazzo Bonaccossi si svolge la presentazione di un libro sul caso Aldrovandi. L'ex sindaco Gaetano Sateriale dichiara pubblicamente che nel periodo in cui chiedeva che si facesse luce sulla morte di Federico si sentiva spiato, tanto da preferire parlare del caso con il suo vice fuori dall'ufficio o addirittura in macchina. I giornali il giorno dopo titolano: "Sateriale si sentiva spiato". Dall'interessato non giungono né smentite né precisazioni.

I fatti denunciati sono di una gravità inaudita. È inconcepibile che una pubblica autorità nell'esercizio delle proprie funzioni venga spiata solo perché, com'è connaturato al ruolo di primo cittadino, chiede sia fatta luce sulla morte di un ragazzo di 18 anni ad opera di quattro agenti di polizia in servizio che lo avevano fermato. Eppure è come se Sateriale avesse raccontato una barzelletta da bar sport.

Qualche giorno dopo il sottoscritto scrive una lettera ai giornali in cui pone alcuni interrogativi. Della serie: "cosa faceva sentire Sateriale così insicuro persino nel suo ufficio e sulla sua linea telefonica? Perché preferiva parlare fuori con Tagliati (e non Tagliani come da me scritto in quella lettera e di cui mi scuso con l'interessato) o addirittura dovevano incontrarsi in macchina per parlare liberamente? Perché egli aveva questa sensazione? E chi lo spiava? Da dove gli derivava questa certezza tanto da indurlo ad adottare precisi comportamenti precauzionali? Aveva o ha avuto in seguito elementi di riscontro tali da suffragare questo suo timore? La finalità di tale "spionaggio" era quella di prevenire eventuali mosse istituzionali che andavano in direzione opposta ai tentativi di insabbiamento sulle circostanze della morte di Federico? Se sì, chi ha organizzato e ordinato queste attività di controllo sul primo cittadino? E da dove proveniva tale potere di controllo?".

Ebbene, in città su quelle dichiarazioni e su questi interrogativi è calato il silenzio. Delle due l'una: o la parola di un ex sindaco non vale più nulla e quelle di Sateriale sono considerate farneticazioni non degna di considerazione, oppure questa è una città abituata a voltarsi dall'altra parte di fronte a questioni scomode che scuotono la propria coscienza e richiedono un'azione ferma e decisa e dunque è una città omertosa. Come ho detto in premessa propendo per questa seconda ipotesi confortato, purtroppo, dalla storia. Ultimo il caso Aldrovandi dove ci sono testimoni che dicono di non aver visto e altri che se vedono non parlano o sono reticenti, tranne il caso esemplare di una cittadina extracomunitaria che vede e racconta i fatti.

In ogni caso sarebbe opportuno che si facesse chiarezza. Qui mi rivolgo anche a Sateriale perché dica se dispone, come io credo, di elementi concreti a supporto delle sue dichiarazioni e se tali elementi sono stati riferiti alla magistratura.

Ma la cosa sconcertante è che persino i compagni di partito di Sateriale tacciono sulle sue rivelazioni, dentro e fuori il consiglio comunale. Tacciono le istituzioni. Tacciono pure tutte le altre forze politiche. Nessuno presenta interrogazioni consiliari. Tace addirittura la cosiddetta società civile organizzata.

In altri tempi di fronte ad una minaccia alle istituzioni democratiche, perché di questo si tratta, come quella denunciata da Sateriale i massimi esponenti dei partiti sarebbero saltati sulla sedia e avrebbero detto: "Fermi tutti! Cosa sta dicendo l'ex sindaco? Cos'è questa storia?". Invece nulla. Pajetta abituato a saltare in piedi sui banchi della Camera appena sentiva puzza di minaccia alla democrazia, si rivolterà nella tomba. Questa, purtroppo, è la cifra dei tempi che viviamo e di questa città.

Giuseppe Fornaro

Commenti

Post popolari in questo blog

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

L'Italia che va a rotoli

L'Italia che va a rotoli è un paese in cui il senso del dovere di ciascuno e della tutela del bene comune è ridotto ai minimi termini. Controllori che sui treni non controllano non solo i biglietti, ma che passano oltre senza fare una piega se un ragazzotto mette le scarpe sul sedile difronte; vigili urbani che si girano dall'altra parte passando oltre un'auto parcheggiata in doppia fila; treni che fanno viaggiare i pendolari in condizioni disumane; cittadini che insozzano strade e giardini e che non si curano di pulire il marciapiedi davanti la soglia della propria casa perché è il Comune che se ne deve occupare. Tranne poi lamentarsi della mancanza di regole e invocare il pugno duro, ma sempre contro gli altri. Non cito nemmeno il caso dei piromani perché lì il senso civico, ovviamente, non c'entra nulla, nel senso che a muovere la mano sono interessi criminali precisi che col civismo c'entrano come i cavoli a merenda. Ho fatto un viaggio di  cinque ore, cambiando …

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…