Passa ai contenuti principali

La noia del posto fisso

Livù, n. 48, 2012
 
“Il posto fisso è noioso”. “I giovani italiani vogliono il posto fisso di fianco a mamma e papà”. Sembrano battute da bar sport, invece sono affermazioni di un governo da… bar. La prima è del premier Monti, la seconda del ministro degli interni Cancellieri. Ma siamo sicuri che i giovani di oggi vogliano il posto fisso? Non credo. Penso abbia ragione Monti nel dire che il posto fisso provoca noia. Aggiungo, a costo di essere impopolare, che il posto fisso a vita nuoce alla salute dell’individuo e del sistema. Dell’individuo perché si fossilizzano le capacità intellettive, il know how resta congelato, ma soprattutto, dopo molti anni si perde l’entusiasmo e la curiosità per un lavoro di cui si conosce ogni risvolto. E questo, e qui vengo al secondo punto, non solo non fa crescere intellettivamente la persona e il suo baglio professionale, ma costituisce un freno allo sviluppo del sistema. La curiosità, l’entusiasmo sono una molla vitale per immettere nel sistema produttivo energie positive, nuove, portatrici di un nuovo punto di vista, di un nuovo modo di fare, del fare. A patto che il sistema produttivo non sia conservatore, ma capace di aprirsi al nuovo, alle nuove idee, senza paura di esplorare nuove pratiche che scardino il “si è sempre fatto così” tipico di ogni posto di lavoro.
Sarebbe auspicabile che ci fosse la possibilità di cambiare lavoro senza problemi. Infatti, il punto non è “posto fisso sì, posto fisso no”, ma il fatto è che il lavoro non c’è, non c’è né fisso né mobile, non c’è la possibilità di trovarlo né di cambiarlo senza problemi quando se ne ha voglia, quando si sente di non essere più in grado di dare nulla di positivo nel posto in cui si è. Dovrebbe essere interesse delle imprese incoraggiare i lavoratori a cambiare, consce del fatto che questo sarebbe un valore aggiunto anche per loro in termini di energie e quindi di produttività. Purché gli individui siano a loro volta disposti ad impegnarsi in un progetto di formazione continua che assecondi le proprie inclinazioni.
Mi rendo conto che tutto ciò è pura utopia, sia per il dato contingente della crisi sia perché il sistema sociale nel suo complesso è strutturato su un sistema di stabilità e garanzie. Si pensi solo al sistema bancario dove i mutui vengono concessi solo a chi ha un reddito fisso, dunque un posto fisso. Allora, non è la mentalità dei lavoratori che deve cambiare, o per lo meno non solo quella, ma deve cambiare la cultura complessiva di un sistema che deve essere capace di aprirsi all’innovazione. E cosa c’è di più entusiasmante di un nuovo lavoro senza l’idea che possa durare per i prossimi trent’anni, ma con la certezza di trovarne un altro senza problemi?

Commenti

Post popolari in questo blog

Voterò SI perché mi fido dei Costituenti del '45

I sostenitori del NO alla riforma costituzionale sostengono che il Senato non elettivo limiterebbe quanto previsto dal secondo comma dell'art. 1 della Costituzione che recita: "La sovranità appartiene al popolo". Ciò che non dicono è che quel comma prosegue con un inciso: "che la esercita (la sovranità, ndr) nelle forme e nei limiti della Costituzione". Un'omissione non secondaria perché, invece, dà la misura precisa della lungimiranza dei padri Costituenti che avevano previsto la possibilità di una modifica nelle forme di esercizio della sovranità popolare. Se avessero voluto blindare la Carta fondamentale avrebbero scritto: "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita con voto proporzionale nell'elezione dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica". Inoltre, non è un caso che i Costituenti hanno inserito le modalità di espressione della sovranità popolare nella seconda parte della Costituzione, quella susce…

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

Alitalia non è strategica per il paese

Non credo ci siano i presupposti per una nazionalizzazione di Alitalia. Le compagnie aeree non sono più strategiche per un paese con l'apertura della concorrenza. Lo sono le infrastrutture, gli aeroporti (non certo i singoli vettori), la rete ferroviaria, l'intermodalità treno-nave per le merci, e quindi i porti, le autostrade, e ora, sempre più, le dorsali telematiche, la fibra ottica, l'industria e la ricerca informatica, l'hi-tech, l'industria metallurgica. Non conta più chi trasporta, ma chi gestisce la logistica. Questi, sono convinto, siano sempre più gli asset strategici per la competitività di un paese, non una singola compagnia aerea in un'era in cui l'offerta di trasporto è cresciuta esponenzialmente con compagnie di volo affidabili a costi di molto più concorrenziali rispetto ad Alitalia, anche dal punto di vista dell'offerta qualitativa. Da anni Alitalia non era più competitiva, proprio per i costi che era costretta a sostenere per una prolif…