Passa ai contenuti principali

La grande ipocrisia


Gheddafi è morto, viva Gheddafi!
Sì, proprio così, viva Gheddafi, perché la morte del dittatore libico ha mostrato ancora una volta l’ipocrisia del mondo occidentale e in particolare della nostra stampa e dei nostri politici benpensanti. Tutti a gridare all’orrore per quel corpo vilipeso, tutti a dire “il rispetto deve essere dovuto a qualsiasi essere umano, ma non possiamo fare a meno di mostrarvi queste immagini”, (Bianca Berlinguer al Tg3 delle 19, primissima serata). Puah! Nemmeno il pudore di arrossire per questa palese, evidente, spudorata ipocrisia. Se è così importante il rispetto della persona umana perché mi mostri quelle immagini? Perché intere pagine di giornali erano piene di gigantografie di quell’atrocità? Il perché lo ha spiegato bene con assoluta onestà intellettuale Enrico Mentana intervistato da Fabio Fazio a “che tempo che fa” sabato 22 ottobre: “Perché il nostro lavoro ha bisogno delle cattive notizie per vendere i giornali e fare audience”. Il resto sono non notizie nel circo mediatico.
Ma c’è un’altra ragione più profonda, a mio modesto parere, e va ricercata nella genesi stessa della nostra civiltà occidentale. Il 1789 della rivoluzione francese, quella dei lumi, quella dell’affrancamento dall’oppressione della nobiltà e del connubio tra stato e chiesa, quella da cui poi sorgerà lo stato moderno e le democrazie occidentali, è caratterizzata dal sibilo della ghigliottina in piazza, ssssssth, dal rumore della testa che rotola nella cesta, dallo sciabordio violento del sangue che inonda il patibolo. Su questo è nata la civiltà occidentale che da qui in poi ha sempre avuto bisogno del sangue e del vilipendio del cadavere dei dittatori. Cosa ne fu di Mussolini e della Petacchi? Arrestati, fucilati (e già bastava questo) e poi appesi in piazza a testa in giù come si fa con le bestie al macello prima di essere squartate. Certo, la simbologia voleva restituire a Mussolini il suo essere stato un dittatore bestiale. E Saddam Hussein? Impiccato a seguito di una guerra scatenata dal nostro mondo occidentale sul falso presupposto che l’Iraq detenesse armi di distruzione di massa. Anche lì sono circolate le immagini del patibolo. Cosa ne è stato del popolo iracheno, donne, uomini e bambini, corpi vilipesi dalla violenza stessa della possenza delle armi alleate, i cui corpi ci hanno impedito di vedere non per pietà, ma per non suscitare in noi l’opposizione alla guerra, possiamo solo immaginarlo. Ed ora tanto buonismo, tanto perbenismo, tanta riprovazione giusto l’attimo prima di mostraci quelle immagini? Ma per favore! Risparmiateci almeno la vostra pelosa ipocrisia, quella tipica dei mandanti degli omicidi come nei funerali delle vittime di mafia dove le prime corone di fiori che arrivano di solito sono proprio quelle dei mandanti.
Giuseppe Fornaro

Commenti

Post popolari in questo blog

Voterò SI perché mi fido dei Costituenti del '45

I sostenitori del NO alla riforma costituzionale sostengono che il Senato non elettivo limiterebbe quanto previsto dal secondo comma dell'art. 1 della Costituzione che recita: "La sovranità appartiene al popolo". Ciò che non dicono è che quel comma prosegue con un inciso: "che la esercita (la sovranità, ndr) nelle forme e nei limiti della Costituzione". Un'omissione non secondaria perché, invece, dà la misura precisa della lungimiranza dei padri Costituenti che avevano previsto la possibilità di una modifica nelle forme di esercizio della sovranità popolare. Se avessero voluto blindare la Carta fondamentale avrebbero scritto: "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita con voto proporzionale nell'elezione dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica". Inoltre, non è un caso che i Costituenti hanno inserito le modalità di espressione della sovranità popolare nella seconda parte della Costituzione, quella susce…

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

Alitalia non è strategica per il paese

Non credo ci siano i presupposti per una nazionalizzazione di Alitalia. Le compagnie aeree non sono più strategiche per un paese con l'apertura della concorrenza. Lo sono le infrastrutture, gli aeroporti (non certo i singoli vettori), la rete ferroviaria, l'intermodalità treno-nave per le merci, e quindi i porti, le autostrade, e ora, sempre più, le dorsali telematiche, la fibra ottica, l'industria e la ricerca informatica, l'hi-tech, l'industria metallurgica. Non conta più chi trasporta, ma chi gestisce la logistica. Questi, sono convinto, siano sempre più gli asset strategici per la competitività di un paese, non una singola compagnia aerea in un'era in cui l'offerta di trasporto è cresciuta esponenzialmente con compagnie di volo affidabili a costi di molto più concorrenziali rispetto ad Alitalia, anche dal punto di vista dell'offerta qualitativa. Da anni Alitalia non era più competitiva, proprio per i costi che era costretta a sostenere per una prolif…