Passa ai contenuti principali

Dieci, cento, mille Musa

Non è da oggi che la nostra Associazione è favorevole all’estensione delle aree pedonali e della Ztl. Eravamo favorevoli alla pedonalizzazione di Corso Martiri dopo il restauro; abbiamo persino proposto l’interruzione dell’asse Cavour-Giovecca e Porta Mare-Porta Po per creare un’unica Ztl dal Duomo al Parco Urbano: è un nostro sogno nel cassetto in omaggio a Biagio Rossetti e alla sua visionaria addizione urbanistica. Ma tant’è, all’auto si sacrificano anche i sogni e sarebbe nulla se non ci fosse di mezzo anche la salute che viene progressivamente minacciata dai livelli altissimi di polveri, ozono, benzene, biossido di carbonio, anidride carbonica, diossina, anidride solforosa, rumore, ecc. ecc. Per non parlare della sicurezza stradale che vede indici di incidentalità direttamente proporzionali ai veicoli in circolazione.


Per tutti questi motivi salutiamo con favore il sistema Musa di vigilanza elettronica dei varchi della Ztl perché chi effettivamente ha diritto all’accesso non sia penalizzato e anzi tutelato e chi, invece, crede che con il proprio mezzo a motore possa andare ovunque gli aggrada sia giustamente sanzionato. Speriamo almeno che l’amministrazione comunale voglia rispettare la legge destinando il dieci cento delle multe a progetti sulla mobilità sostenibile, piuttosto che a ripianare altre voci di bilancio. Così come siamo favorevoli all’aumento delle tariffe dei parcheggi nelle aree più centrali dell’entro mura, perché crediamo che al diritto all’ingresso nel cuore delle città e alla sosta in aree densamente popolate e trafficate debba corrispondere un giusto prezzo, anche in considerazione del fatto che i parcheggi costituiscono la privatizzazione dello spazio pubblico a esclusivo vantaggio di un’unica categoria di utenti della strada: gli automobilisti. Tra l’altro a Ferrara, tra le città dell’Emilia, le tariffe sono tra le più basse.

Detto tutto ciò, però, non possiamo esimerci dal rilevare un livello della qualità del servizio di trasporto pubblico urbano decisamente scadente sotto molti profili. Innanzitutto, per la mancanza di corsie preferenziali per gli autobus al fine di aumentarne la velocità commerciale quindi l’appetibilità da parte degli utenti. In secondo luogo, le frequenze di venti minuti in una città moderna del terzo millennio sono decisamente anacronistiche, senza considerare che le diverse linee si accavallano negli stessi minuti nei passaggi, basti osservare l’asse Cavour-Giovecca per notare colonne di autobus delle diverse linee che passano nello stesso momento, quando basterebbe sfalsare gli orari per diversificare l’offerta. Abbiamo anche proposto di ridisegnare viale Cavour con due corsie preferenziali (una per ogni senso di marcia) dalla barriera alle poste, di usare i controviali come corsie di canalizzazione per la svolta a destra dei veicoli a motore, mentre i marciapiedi, larghi più di quattro metri, potrebbero diventare comodamente percorsi ciclopedonali. Su tutto ciò nessuna risposta. Il commento a denti stretti è che si sconvolgerebbero le abitudini dei ferraresi.

E allora per non sconvolgere le abitudini dei ferraresi, anche di quelli che vorrebbero continuare a violare la Ztl impunemente, qualcuno si erge a paladino difensore dei furbetti del quartierino. Aspettiamoci la proposta di un lodo per i trasgressori!

Il direttivo dell’Associazione
Amici della bicicletta – Fiab Onlus

Commenti

Post popolari in questo blog

15 novembre 1943 la strage fascista a Ferrara

Il 15 novembre 1943 una rappresaglia fascista compì una strage, nota come strage del Castello Estense, a seguito dell'assassinio del federale Iginio Ghisellini attribuendo l'omicidio agli antifascisti. La storia ha poi accertato che si trattò di un regolamento di conti interno ai repubblichini. Dopo la liberazione quello che era Corso Roma divenne Corso Martiri della Libertà.




"La mostra sospesa" dal golpe di Pinochet ora a #Bologna

México. "La mostra sospesa". Si intitola così perché doveva essere inaugurata il 13 settembre 1973 a Santiago del Cile. Due giorni prima il generale Pinochet e la sua marmaglia attuarono il colpo di stato che portò alla morte Salvador Allende e la democrazia cilena. Da allora le opere oggi in mostra a Bologna a #PalazzoFava (fino al 18 febbraio prossimo), dopo essere state impacchettate in fretta e furia e rispedite in Messico da dove provenivano, non sono mai più uscite. Si tratta, dunque, di una prima assoluta in Europa. A palazzo Fava sono esposte opere di Orozco, Rivera e Siqueiros, tre dei più importanti muralisti messicani. Non vi parlerò della mostra né delle opere esposte perché non sono un critico d'arte, non è il mio mestiere. Di certo posso dire che ci sono opere di una potenza espressiva straordinaria per le emozioni che suscitano. Di una, in particolare, vorrei parlare: "Cristo distrugge la croce" (nella foto), del 1943, di Orozco. Un Cristo sceso…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…