Passa ai contenuti principali

Zona rossa e democrazia


Gli scontri di piazza di qualche giorno fa a Roma in occasione del voto di fiducia alla Camera sono inqualificabili e nulla hanno a che fare con la protesta dei precari, degli studenti, degli insegnanti, dei cassaintegrati, dei licenziati, dei pensionati nella loro manifestazione esteriore violenta. Forse hanno in comune solo la rabbia per un governo cieco e sordo, incapace, fatto di nani, veline, ballerine e di frequentazioni istituzionali (palazzo Grazioli è, per decreto, sede del Presidente del Consiglio) con le puttane. Sì, puttane, perché persino questa parola è stata sdoganata nel gergo della politica italiota.
Detto questo per una volta bisognerebbe riconoscere che il cordone sanitario della zona rossa intorno ai palazzi delle istituzioni è stato giusto e sacrosanto. Proviamo ad immaginare se quegli stessi violenti fossero arrivati davanti al Parlamento. Cosa avrebbero fatto? Avrebbero preso d'assalto la Camera e il Senato? E poi? Cosa sarebbe successo? Semplice. Avrebbero prestato il fianco all'instaurazione di un vero e proprio regime con leggi speciali di sicurezza che chi ha vissuto gli anni di piombo e faceva politica sa bene cosa hanno significato in termini di restrizione delle libertà di espressione politica. Sarebbe stata una manna per le tendenze autoritarie impersonate in particolar modo da Berlusconi. Le forze dell'ordine hanno fatto quanto era stato loro affidato: difendere i luoghi delle istituzioni democratiche, da chiunque. E non ci si racconti la favoletta che arrivare sotto i palazzi significava farsi ascoltare dal governo e che averlo impedito è stato un atto autoritario. Questo governo è incapace di ascoltare persino se gli si urla nelle orecchie. E poi nell'era di internet non c'è bisogno di andare sotto i palazzi per far arrivare le proprie istanze. Allora qual era il vero motivo di voler arrivare a tutti i costi sotto il Parlamento se non quello di mettere in atto lì quanto è stato fatto nella zona rossa? Di voler intimidire il Parlamento. Perché predeterminazione c'era e come, nella misura in cui c'è chi va alle manifestazioni con le bombe carta e le molotov nello zainetto. Chi va alle manifestazioni con il volto coperto non ha nulla a che fare con la democrazia. Il sottoscritto ha partecipato a molte manifestazioni, ma nello zainetto portavo solo un panino e una bottiglietta d'acqua. E ci ho messo sempre la mia faccia come milioni di altre persone e non come quella minoranza anonima.
Forse bisognerebbe riconoscere, per una volta, che quella zona rossa ci ha salvato da un male peggiore. Questa è la mia impressione.
Non vanno però taciuti i comportamenti inqualificabili di alcuni tutori dell'ordine. Ragazzi presi a manganellate quando erano già stesi a terra; poliziotti che montano in piedi sui corpi dei ragazzi e li prendono a calci in faccia, ma la cosa più grave sono quelle pistole impugnate, una da un finanziere aggredito e l'altra da un carabiniere. No, questo non è accettabile. È giunto il momento di chiedere a gran voce che le forze dell'ordine in servizio alle manifestazioni siano dotate solo di strumenti passivi di difesa come scudi, ginocchiere, para gomiti, para stinchi, coprimani, caschi e come strumenti di difesa attiva solo gli sfollagente e nessuna arma da fuoco. Perché a Roma, con quegli assalti alle camionette, c'è mancato poco che ci scappasse il morto.
Sento già l'obiezione dei duri e puri: ma di quale istituzioni democratiche parli? Be', di quelle che anche chi muove questa obiezione ha votato, magari a malincuore, magari tappandosi il naso o che addirittura ha deciso di non andare a votare, perché anche questa libertà di scelta è contemplata dalla democrazia e da quelle stesse istituzioni.
Male ha fatto quel giovane studente di scienze politiche ad "Anno zero", di fronte ad una domanda precisa, a non prendere le distanze in modo netto dagli atti di violenza, perché questo ha prestato il fianco alla volpe fascista La Russa per mettere in atto il suo show. Credo che sia idiota far passare uno come La Russa come il massimo rappresentante della difesa della democrazia ed altrettanto idiota sia da parte di certa sinistra lisciare il pelo ad un movimento che non sa distinguere la critica dura, aspra, la lotta di piazza, dalla violenza. Senza se e senza ma. Anche perché quei violenti non si sa bene chi fossero, magari provocatori di professione, o infiltrati. E non erano certo quella ventina che sono stati fermati e poi scarcerati.

Commenti

Post popolari in questo blog

15 novembre 1943 la strage fascista a Ferrara

Il 15 novembre 1943 una rappresaglia fascista compì una strage, nota come strage del Castello Estense, a seguito dell'assassinio del federale Iginio Ghisellini attribuendo l'omicidio agli antifascisti. La storia ha poi accertato che si trattò di un regolamento di conti interno ai repubblichini. Dopo la liberazione quello che era Corso Roma divenne Corso Martiri della Libertà.




"La mostra sospesa" dal golpe di Pinochet ora a #Bologna

México. "La mostra sospesa". Si intitola così perché doveva essere inaugurata il 13 settembre 1973 a Santiago del Cile. Due giorni prima il generale Pinochet e la sua marmaglia attuarono il colpo di stato che portò alla morte Salvador Allende e la democrazia cilena. Da allora le opere oggi in mostra a Bologna a #PalazzoFava (fino al 18 febbraio prossimo), dopo essere state impacchettate in fretta e furia e rispedite in Messico da dove provenivano, non sono mai più uscite. Si tratta, dunque, di una prima assoluta in Europa. A palazzo Fava sono esposte opere di Orozco, Rivera e Siqueiros, tre dei più importanti muralisti messicani. Non vi parlerò della mostra né delle opere esposte perché non sono un critico d'arte, non è il mio mestiere. Di certo posso dire che ci sono opere di una potenza espressiva straordinaria per le emozioni che suscitano. Di una, in particolare, vorrei parlare: "Cristo distrugge la croce" (nella foto), del 1943, di Orozco. Un Cristo sceso…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…