Passa ai contenuti principali

Aldrovandi: un risarcimento che è un'ammissione di responsabilità

Duemilioni di euro non restituiscono la vita ad una persona, ma il risarcimento dello Stato alla famiglia Aldrovandi sono il giusto epilogo di una battaglia civile condotta da una famiglia.
Quel risarcimento è anche un'ammissione implicita di responsabilità da parte delle istituzioni per la condotta di uomini che in quel tragico 25 settembre 2005 indossando una divisa le rappresentavano. Una reponsabilità sia per l'inefficacia dei metodi di selezione del personale delle forze dell'ordine nella valutazione delle attitudini personali, sia per l'inadeguata e insufficiente formazione a cui dovrebbe essere sottoposto chi svolge compiti delicati di ordine pubblico. Ma è un'ammissione implicita di responsabilità anche sotto un altro e più importante punto di vista: su quella morte ci sono ancora molte ombre che il processo di primo grado, nonostante le condanne, non è riuscito a diradare per la difesa corporativa scattata attorno ai quattro esecutori materiali dell'omicidio di Federico. Una di queste ombre, più volte evidenziata dal giudice Francesco Maria Caruso nelle sue motivazioni della sentenza, è quella relativa al posizionamento della prima volante. Vi sono ragionevoli dubbi, evidenziati dal giudice stesso, che la prima volante fosse in via Ippodromo fin dal 5.30 e che non sarebbe partita dalla questura come sostenuto dalla difesa e dai testimoni a discarico. Tuttavia, dal punto di vista processuale e probatorio, non vi è la certezza proprio per quella difesa corporativache prima ha fatto sì che fossero condotte delle indagini tutte sbilanciate a dimistrare l'aggressione da parte di Federico nei confronti degli agenti e poi a cercare elementi volti a scagionarli tralasciando, invece, gli elementi a carico. Tanto che in un procedimento parallelo tre agenti sono stati condannati a vario titolo per omissioni e favoreggiamento.
Ora, siccome quei ragionevoli dubbi del giudice sono anche quelli di chi scrive e di molti cittadini vien fatto di chiedere: perché quella volante era sul posto fin dalle 5.30 senza che ciò risulti in atti ufficiali? Cosa ci faceva? Perché si continua a negare questo dato fino alle omissioni e la favoreggiamento? Come mai il giudice nelle prime righe delle motivazioni scrive che il reato si configurera oltre la semplice colpa? Segno che nel giudice quei dubbi restano. E restano in noi.
Ora, se volesse, il procuratore presso la Corte d'Appello potrebbe rivedere il capo d'imputazione, riaprire l'inchiesta, scaldagliare a fondo la personalità dei quattro per trarne lelemnti di comprensione di quanto è accaduto all'alba di una domenica di cinque anni fa.
Credo che quei dubbi siano anche del ministero degli interni nella misura in cui ha riconosciuto alla famiglia Aldrovandi il risarcimento. Ma non basta, se non si vuole che al danno erariale per lo Stato causato dalla condotta di quattro sui dipendenti si aggiunga la beffa di continuare a pagare loro lo stipendio, quei quattro andrebbero radiati immediatamente dalle forze dell'ordine perché la coscienza civile non può tollerare il danno di una vita spezzata, il danno collettivo e la beffa.
Se poi quel risarcimento contiene in sé il tentativo di spezzare il fronte delle famiglie delle vittime delle forze dell'ordine che a Ferrara, in occasione dell'anniversario della morte di Federico si sono costituite in associazione, sappia il ministero che quel disegno sarà destinato al fallimento per la forza morale dimostrata dalla famiglia Aldrovandi che ha condotto un'esemplare battaglia civile per restituire onore e rispetto a Federico, per se stessa e per tutti i cittadini onesti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Voterò SI perché mi fido dei Costituenti del '45

I sostenitori del NO alla riforma costituzionale sostengono che il Senato non elettivo limiterebbe quanto previsto dal secondo comma dell'art. 1 della Costituzione che recita: "La sovranità appartiene al popolo". Ciò che non dicono è che quel comma prosegue con un inciso: "che la esercita (la sovranità, ndr) nelle forme e nei limiti della Costituzione". Un'omissione non secondaria perché, invece, dà la misura precisa della lungimiranza dei padri Costituenti che avevano previsto la possibilità di una modifica nelle forme di esercizio della sovranità popolare. Se avessero voluto blindare la Carta fondamentale avrebbero scritto: "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita con voto proporzionale nell'elezione dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica". Inoltre, non è un caso che i Costituenti hanno inserito le modalità di espressione della sovranità popolare nella seconda parte della Costituzione, quella susce…

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…