Passa ai contenuti principali

Il golpe bianco di Berlusconi e della banda dei peones

Costituzione della Repubblica italiana.

 

Art. 67

Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.

Art. 92

Il Governo della Repubblica è composto dal Presidente del Consiglio e dai ministri, che costituiscono insieme il Consiglio dei ministri.

Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri.

Art. 94

Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere.

Ciascuna Camera accorda o revoca la fiducia mediante mozione motivata e votata per appello nominale.

Entro dieci giorni dalla sua formazione il Governo si presenta alle Camere per ottenerne la fiducia.

Il voto contrario di una o di entrambe le Camere su una proposta del Governo non importa obbligo di dimissioni.

La mozione di sfiducia deve essere firmata da almeno un decimo dei componenti della Camera e non può essere messa in discussione prima di tre giorni dalla sua presentazione.


 

Berlusconi vorrebbe tentare un golpe bianco ai danni della Costituzione e degli organi Costituzionali quali il Presidente della Repubblica e il Parlamento attraverso una martellante campagna mediatica volta a convincere gli italiani, a digiuno di conoscenza della loro Carta fondamentale, che se dovesse cadere il governo l'unica strada sono le elezioni essendo lui espressione della volontà popolare. Nulla di più falso. Intanto, perché gli elettori scelgono una maggioranza di governo e non direttamente un presidente del consiglio che viene, semmai, "indicato" come leader dalla coalizione e dunque dalle segreterie dei partiti (al netto delle primarie eventuali). In secondo luogo perché, come si vede chiaramente dall'art. 92 della Costituzione, il presidente del consiglio riceve l'incarico dal Presidente della Repubblica. Potrà governare solo dopo aver ottenuto la fiducia al suo programma dal Parlamento (art. 94). Di conseguenza se Berlusconi dovesse cadere Napolitano è obbligato a conferire un incarico esplorativo ad una personalità politica per verificare se vi sono le condizioni per continuare a governare. Nel caso tali condizioni vi fossero, e la nuova coalizione formatasi in Parlamento, che è e resta sovrano, dovesse ottenere la fiducia, il governo sarebbe legittimato ad operare. Anche perché, e qui siamo al terzo punto, pure i parlamentari dell'opposizione sono eletti dal popolo e dunque sono espressione della volontà popolare.

Questi che Berlusconi e i suoi peones chiamano formalismi sono i dettami della Costituzione su cui lui e il suo governo hanno giurato fedeltà e un suo tradimento potrebbe configurarsi come attentato alla Costituzione e agli organi Costituzionali (il Presidente della Repubblica e le Camere) qualora la polemica politica dovesse trascendere in un impedimento del Parlamento ad operare.

Come insegnano i costituzionalisti, nel diritto la forma è sostanza, di conseguenza il rispetto formale della Carta fondamentale è la sostanza dell'agire democratico. Tutto il resto è fuori dalle regole e dalla Costituzione.

L'altra obiezione è che gli elettori hanno scelto una maggioranza. Vero, ma non basta. L'art. 67 dice che "Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato", cioè non deve obbedire a nessun ordine di partito, ma soltanto alla propria coscienza e questo vale sempre, qualsiasi scelta parlamentare il singolo rappresentante del popolo si trovi a compiere in aula. Dopo saranno gli elettori alla tornata successiva a decidere se il fatto che quel parlamentare abbia obbedito alla propria coscienza rispecchiava anche il loro comune sentire, se non fosse che i cittadini sono stati espropriati della possibilità di scelta attraverso il voto di preferenza abolito dalla legge elettorale porcata. In ogni caso non ci sono altre strade, non ci sono scorciatoie. La democrazia è fatta di regole è chi si pone fuori da queste regole si pone fuori dalla democrazia avendo in mente un altro disegno di governo che non è quello che il nostro paese si è dato con la Costituzione. E allora tutto ciò si chiama golpe.

Commenti

Post popolari in questo blog

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

L'Italia che va a rotoli

L'Italia che va a rotoli è un paese in cui il senso del dovere di ciascuno e della tutela del bene comune è ridotto ai minimi termini. Controllori che sui treni non controllano non solo i biglietti, ma che passano oltre senza fare una piega se un ragazzotto mette le scarpe sul sedile difronte; vigili urbani che si girano dall'altra parte passando oltre un'auto parcheggiata in doppia fila; treni che fanno viaggiare i pendolari in condizioni disumane; cittadini che insozzano strade e giardini e che non si curano di pulire il marciapiedi davanti la soglia della propria casa perché è il Comune che se ne deve occupare. Tranne poi lamentarsi della mancanza di regole e invocare il pugno duro, ma sempre contro gli altri. Non cito nemmeno il caso dei piromani perché lì il senso civico, ovviamente, non c'entra nulla, nel senso che a muovere la mano sono interessi criminali precisi che col civismo c'entrano come i cavoli a merenda. Ho fatto un viaggio di  cinque ore, cambiando …

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…