Passa ai contenuti principali

Ecco perché difendere l'articolo 18

Nell'analisi di Luciano Gallino ("La lotta di classe dopo la lotta di classe, Edizioni Laterza), le ragioni per cui occorre difendere l'articolo 18.

"Il lavoro flessibile è per diverse ragioni un'espressione della flessibilità del movimento del capitale all'epoca della finanziarizzazione, estesa non solo alle attività economiche tradizionali ma ad ogni immaginabile attività umana. [...]
La ricerca di rendimenti elevati estesa a tutto il mondo richiede un capitale altamente mobile, ossia impone che esso si muova con grande flessibilità. Un gestore di fondi o un trader devono essere in grado di spostare milioni di dollari o di euro non appena scorgano sullo schermo del loro computer la possibilità di conseguire un guadagno trasferendo capitali da un impiego all'altro, da un pacchetto azionario o un fondo di investimento a un altro. [...] Questa ricerca di flessibilità del capitale, allo scopo di trovare in giro per piazze finanziarie del mondo gli impieghi più redditizi, ha trascinato con sé la necessità di imporre anche alla forza lavoro la massima flessibilità. [...]
In quest'ottica, la forza lavoro legata alla produzione di beni o servizi che appaiono offrire un rendimento non soddisfacente al fiume di capitali che circola per il mondo deve essere di conseguenza abbandonata al più presto, sostituita, tagliata, ridotta. Naturalmente può anche verificarsi il contrario, e cioè che la forza lavoro debba essere ampliata per far fronte a un mercato che cresce, grazie a un'iniziativa finanziaria o industriale che mostra di avere successo. Ma poiché nulla è stabile nel mondo finanziario, anche i nuovi posti di lavoro devono essere instabili.
Le occupazioni atipiche sono precisamente un modo per conseguire la massima flessibilità del lavoro, al fine di rispecchiare in misura soddisfacente la necessaria flessibilità di impieghi e di circolazione del capitale. IL lavoro a tempo indeterminato e a orario pieno implica complicate proceduredi licenziamento e comunque conflitti sindacali e sociali. Viceversa, se si moltiplicano i contratti di breve durata, sia pure regolari, o i lavori che uno svolge soltanto su chiamata, il problema è superato. [...]
Insomma, l'intera scena del mondo del lavoro è stata sconvolta per poter rendere i movimenti del lavoro il più possibile somiglianti ai movimenti del capitale in circolazine nel mondo".

Commenti

Post popolari in questo blog

15 novembre 1943 la strage fascista a Ferrara

Il 15 novembre 1943 una rappresaglia fascista compì una strage, nota come strage del Castello Estense, a seguito dell'assassinio del federale Iginio Ghisellini attribuendo l'omicidio agli antifascisti. La storia ha poi accertato che si trattò di un regolamento di conti interno ai repubblichini. Dopo la liberazione quello che era Corso Roma divenne Corso Martiri della Libertà.




"La mostra sospesa" dal golpe di Pinochet ora a #Bologna

México. "La mostra sospesa". Si intitola così perché doveva essere inaugurata il 13 settembre 1973 a Santiago del Cile. Due giorni prima il generale Pinochet e la sua marmaglia attuarono il colpo di stato che portò alla morte Salvador Allende e la democrazia cilena. Da allora le opere oggi in mostra a Bologna a #PalazzoFava (fino al 18 febbraio prossimo), dopo essere state impacchettate in fretta e furia e rispedite in Messico da dove provenivano, non sono mai più uscite. Si tratta, dunque, di una prima assoluta in Europa. A palazzo Fava sono esposte opere di Orozco, Rivera e Siqueiros, tre dei più importanti muralisti messicani. Non vi parlerò della mostra né delle opere esposte perché non sono un critico d'arte, non è il mio mestiere. Di certo posso dire che ci sono opere di una potenza espressiva straordinaria per le emozioni che suscitano. Di una, in particolare, vorrei parlare: "Cristo distrugge la croce" (nella foto), del 1943, di Orozco. Un Cristo sceso…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…