Passa ai contenuti principali

Anche così si può morire nella ricca Emilia


Livù, n. 49, 2012

Visto che il direttore ha voluto intitolare questa rubrica “Emilia paranoica”, vi racconterò come si può morire in questa ricca regione mentre si attraversa la strada intorno alle 18 di un giorno di febbraio.
Una donna era andata a fare la spesa in bicicletta. Stava tornando a casa poco distante dall’incidente. Quell’incrocio e quell’attraversamento pedonale lo aveva fatto tante volte e ogni volta con il cuore stretto dalla paura perché quell’incrocio e quell’attraversamento sono scarsamente illuminati. Il limite di velocità di 50km/h non è rispettato. Le auto sfrecciano e anche i mezzi pensanti. Eppure bisogna andare. Fatta la spesa, con la bici a mano e le sporte appese al manubrio, raggiunge le strisce pedonali. Guarda a destra e a sinistra. Quella è una strada statale. Deve stare attenta. Non vede nessuno. Sta pensando alla cena che tra poco dovrà preparare per la sua famiglia. Sorride all’idea di preparare un piatto che ai suoi piace. Ad un tratto il buio. Più buio dell’incrocio senza luci. Più buio del buio che avrebbe mai potuto immaginare. Non sente più nemmeno i suoni. Un gran dolore. Il tutto dura solo una frazione di secondo. Tanto basta a spegnere una vita, scaraventata da un furgone Ducato che non ha lasciato alcun segno di frenata sull’asfalto e l’ha scaraventata lontano con la sua bici e la spesa. Ora, come di prassi, il conducente del furgone è indagato per omicidio colposo. Un atto dovuto. Ma ci sono altre responsabilità. Ci sono sempre negli incidenti stradali, e non sono solo quelle degli attori direttamente coinvolti nel fatto.
Come Associazione Amici della bicicletta-Fiab Onlus di Ferrara abbiamo chiesto alla procura della Repubblica di Ferrara, attraverso la stampa, di considerare tutti gli elementi che costituiscono la sicurezza stradale e ad accertarne carenze e responsabilità di chi costruisce strade senza alcun criterio di rispetto della sicurezza degli utenti, in particolare quelli più deboli, per negligenza, incompetenza, omissioni, abusi, ecc.
Abbiamo fatto un sopralluogo la sera dopo il fatto circa alla stessa ora in cui è avvenuto. E bene, le condizioni della strada che abbiano rilevato sono indegne. L’attraversamento pedonale su cui si trovava la signora finisce in un fossato sul lato destro direzione Bologna, il lato che doveva raggiungere la vittima;non vi è marciapiedi e quindi spazio per mettersi in sicurezza, ma si è costretti a rimanere sul ciglio della strada trafficata e percorsa anche da mezzi pesanti. Inoltre, non vi è un’adeguata illuminazione pubblica su tutto l’incrocio, né tanto meno un’illuminazione dedicata all’attraversamento con segnaletica verticale illuminata, né vi sono indicatori luminosi lampeggianti che preavvisino della presenza dell’attraversamento, né vi è alcun tipo di dissuasione alla velocità, né fisica (restringimento di carreggiata, isola salvagente, ecc) né psicologica con autovelox.
Ecco, così si può morire nella ricca Emilia al ritorno dalla spesa.

Commenti

Post popolari in questo blog

15 novembre 1943 la strage fascista a Ferrara

Il 15 novembre 1943 una rappresaglia fascista compì una strage, nota come strage del Castello Estense, a seguito dell'assassinio del federale Iginio Ghisellini attribuendo l'omicidio agli antifascisti. La storia ha poi accertato che si trattò di un regolamento di conti interno ai repubblichini. Dopo la liberazione quello che era Corso Roma divenne Corso Martiri della Libertà.




"La mostra sospesa" dal golpe di Pinochet ora a #Bologna

México. "La mostra sospesa". Si intitola così perché doveva essere inaugurata il 13 settembre 1973 a Santiago del Cile. Due giorni prima il generale Pinochet e la sua marmaglia attuarono il colpo di stato che portò alla morte Salvador Allende e la democrazia cilena. Da allora le opere oggi in mostra a Bologna a #PalazzoFava (fino al 18 febbraio prossimo), dopo essere state impacchettate in fretta e furia e rispedite in Messico da dove provenivano, non sono mai più uscite. Si tratta, dunque, di una prima assoluta in Europa. A palazzo Fava sono esposte opere di Orozco, Rivera e Siqueiros, tre dei più importanti muralisti messicani. Non vi parlerò della mostra né delle opere esposte perché non sono un critico d'arte, non è il mio mestiere. Di certo posso dire che ci sono opere di una potenza espressiva straordinaria per le emozioni che suscitano. Di una, in particolare, vorrei parlare: "Cristo distrugge la croce" (nella foto), del 1943, di Orozco. Un Cristo sceso…

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…