Passa ai contenuti principali

Il bluff di Marchionne e la caccia alle streghe

Da buon giocatore di poker Marchionne sta calando il suo bluff. Infatti, non è pensabile, da uomo intelligente qual è, che si aspettasse un plebiscito al referendum indetto da Fim e Uilm più altri minori. A questo punto è lecito supporre che si sarebbe dichiarato insoddisfatto qualunque fosse stato il risultato del referendum che non avesse sfiorato il 99% e in questo sta, precisamente, il suo bluff. Sa bene che in Italia il ricatto lavoro contro diritti, nonostante il balbettio dei partiti di opposizione e il silenzio dello stesso Presidente della Repubblica di fronte ad un attacco inaudito ai diritti dei lavoratori Costituzionalmente protetti, arriva fino ad un certo punto. E allora questa insoddisfazione sull'esito del referendum da parte del Lingotto dove vuole andare a parare?

Temo che Marchionne avesse già in mente di disinvestire in Italia e vuole ottenere con questo referendum due risultati. Il primo trasferire le produzioni all'estero sentendosi la coscienza a posto agli occhi dell'opinione pubblica ormai addomesticata; il secondo aprire un regolamento di conti definitivo con quella parte di sindaco che storicamente la Fiat ha considerato un nemico: la Fiom. Chi ha ancora memoria della storia della classe operaia alla Fiat, ricorderà i reparti confino (la famosa officina "Stella rossa") dove venivano marginalizzati e professionalmente umiliati gli iscritti al sindacato metalmeccanico della Cgil, gli iscritti al Pci e tutti coloro che non si allineavano. Una pratica che è andata avanti anche dopo la storica sconfitta del sindacato nel 1980. Dunque, Marchionne vuole aprire la caccia alle streghe addossando la responsabilità dell'esito del referendum, che solo lui, a suo insindacabile giudizio, ritiene insoddisfacente, per scatenare una resa dei conti tra i lavoratori, all'interno del sindacato e tra sindacato e azienda. Insomma, un Maccartismo dagli esiti preoccupanti che rischia di travalicare i confini della fabbrica trovando piena sintonia con il principale inquilino di Palazzo Chigi.

Se così è si tratta di un vero e proprio disegno eversivo. Ed uso questo termine nel senso proprio di sovvertimento delle regole della convivenza civile e delle relazioni industriali moderne. Epifani e la maggioranza della Cgil avrebbe dovuto capire questo disegno anziché attardarsi in dichiarazioni speranzose sulla possibile ripartenza nella difesa dei diritti a fronte degli investimenti. Ammesso che gli investimenti, a questo punto, ci siano sul serio - considerato il picco di massima estrazione del petrolio e il conseguente aumento costante e progressivo dei costi del carburante e l'inquinamento che rendono l'auto un prodotto maturo destinato al declino, come ha magistralmente scritto oggi Guido Viale sul manifesto – sarà difficile ripartire da un punto così basso, tanto più che nel frattempo dei diritti in molte realtà produttive si sarà fatta strage e insieme ad essi la credibilità del sindacato subirà un altro duro colpo e con essa la possibilità di un lavoro per la difesa collettiva e organizzata dei diritti. Questo di Pomigliano rischia di essere un altro 1980 alla Fiat, quando il sindaco subì la storica sconfitta dalla quale non si è più ripreso, con la differenza che allora si perse con dignità combattendo sul campo, adesso invece la resa è stata incondizionata.

Commenti

Post popolari in questo blog

Parigi: e se l'Isis non centrasse nulla?

Parigi. Ancora Parigi. E ancora un attentatore immigrato di seconda generazione, cioè nato e cresciuto in Europa. Al punto che diventa sempre più forte il dubbio che il terrorismo abbia origini e cause interne: la crisi economica, l'emarginazione delle periferie, la disoccupazione, la frustrazione dei giovani che non riescono a trovare una loro collocazione sociale e la conseguente delusione per le promesse di riscatto sociale tradite. L'Isis rivendica questi attentati per pura propaganda e gli esecutori materiali si servono dei riferimenti dell'integralismo islamico per darsi una veste identitaria. Ma non necessariamente l'Isis è il mandante. A meno che non si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio esterno per i mali di una società che sono tutti interni. Finché non si prende atto che all'origine del terrorismo su suolo europeo c'è il fallimento delle politiche di integrazione, non si metteranno in campo le adeguate contromisure di contrasto. Ammes…

L'Italia che va a rotoli

L'Italia che va a rotoli è un paese in cui il senso del dovere di ciascuno e della tutela del bene comune è ridotto ai minimi termini. Controllori che sui treni non controllano non solo i biglietti, ma che passano oltre senza fare una piega se un ragazzotto mette le scarpe sul sedile difronte; vigili urbani che si girano dall'altra parte passando oltre un'auto parcheggiata in doppia fila; treni che fanno viaggiare i pendolari in condizioni disumane; cittadini che insozzano strade e giardini e che non si curano di pulire il marciapiedi davanti la soglia della propria casa perché è il Comune che se ne deve occupare. Tranne poi lamentarsi della mancanza di regole e invocare il pugno duro, ma sempre contro gli altri. Non cito nemmeno il caso dei piromani perché lì il senso civico, ovviamente, non c'entra nulla, nel senso che a muovere la mano sono interessi criminali precisi che col civismo c'entrano come i cavoli a merenda. Ho fatto un viaggio di  cinque ore, cambiando …

Il genocidio

A trentacinque anni di distanza credo valga la pena rileggere questo intervento che Pasolini tenne alla festa de l'Unità di Milano nel 1974 e pubblicato all'epoca da Rinascita. È di un'attualità impressionante. Si parla di genocidio dei valori, di crisi economica, di incapacità a distinguere "sviluppo" da "progresso" (quanto di più attuale quando tutti, anche a sinistra, ormai parlano solo di sviluppo e trascurano il progresso, tranne che nel dirsi progressisti a parole), del ritorno sinistro di valori propri della destra nazista.

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti 1981, pag. 277.

Vorrete scusare qualche mia imprecisione o incertezza terminologica. La materia – si è premesso – non è letteraria, e disgrazia o fortuna vuole che io sia un letterato, e che perciò non possegga soprattutto linguisticamente i termini per trattarla. E ancora una premessa: ciò che dirò non è frutto di un'esperienza politica nel senso specifico, e per così dire prof…